Cultura

Mostre: i vetri della "Fucina degli Angeli" da oggi a Oderzo

Trenta opere di Egidio Costantini, scoperto da Peggy Guggenheim

(ANSA) - ODERZO (TREVISO), 24 GIU - Trenta opere in vetro realizzate nella "Fucina degli Angeli" del veneziano Egidio Costantini sono da oggi esposte nel Museo del vetro d'artista a Palazzo Foscolo di Oderzo (Treviso), grazie all'allestimento di una collezione donata nel 2011 da Attilia Zava, che per molti anni fu assistente nella casa di Costantini assistendo sia lui che la moglie fino alla loro scomparsa.
    I pezzi, donati con tanto di dedica incisa alla stessa Zava, sono stati realizzati negli anni Sessanta e Settanta nel laboratorio creato a Venezia, in cui si sperimentò l'incontro fra l'arte del vetro con artisti come Picasso, Ernst, Chagall, Kokoschka, Fontana, Cocteau, Arp ed altri, ossia la realizzazione di pezzi unici da parte di alcune selezionate vetrerie su bozzetti originali.
    La Fucina degli Angeli fu fondata nel 1955, e nel 1964 fu Peggy Guggenheim a lanciarne l'immagine al mondo grazie ad una esposizione che ospitò nel suo Palazzo dei Leoni, evento che favorì, l'anno successivo, il debutto dei vetri di Costantini al Moma di New York.
    I trenta esemplari, affidati da Zava all'amministrazione comunale di Oderzo, rimarranno a disposizione del pubblico in via permanente in due stanze del museo di Palazzo Foscolo allestite a cura della Fondazione Oderzo Cultura. (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie