Museo arte di Baltimora ferma asta capolavori

colpo di scena da Sotheby's a due ore dalla vendita

 - Con un colpo di scena a due ore dall'inizio dell'asta il Baltimore Museum of Arts ha gettato Sotheby's nello scompiglio. Il consiglio di amministrazione del museo ha deciso di "mettere in pausa per il momento" la controversa vendita di tre opere destinate a uscire dalle collezioni per finanziare una serie di iniziative, alcune a vantaggio dei dipendenti. In 'zona Cesarini' e in seguito alle proteste di trustees, facoltosi donatori e dell'Associazione Americana dei Direttori di Musei, il voto dei trustees ha sospeso la vendita di "1957-G" di Clifford Stills, di "3" di Brice Marden e di una "Ultima Cena" di Andy Warhol. La decisione ha segnato un clamoroso cambio di rotta dopo che all'inizio di ottobre il museo aveva annunciato il piano di liberarsi delle tre opere con l'obiettivo di usare incassi stimati in 65 milioni di dollari per aumentare gli stipendi a tutti i livelli, aprire gratuitamente al pubblico e acquistare opere di donne e artisti di colore all'insegna di una maggiore inclusivita' delle collezioni. L'annuncio del direttore Christopher Bedford non era passato sotto silenzio: oltre 200 ex membri del board e altri attivisti cittadini avevano scritto al procuratore generale del Maryland chiedendo di fermare la vendita sulla scorta che le opere di Marden e di Still erano le uniche dei due artisti nella raccolta del Baltimore Museum of Art. "Non c'e bisogno di cannibalizzare le raccolte per pagare allo staff uno stipendio decente", aveva protestato in un'altra lettera allo stato del Maryland l'ex direttore del museo Arnold Lehman che era stato personalmente coinvolto negli anni Ottanta nell'acquisto del Marden e del Warhol. Pur avendo bilanci sostanzialmente in pari, Bedford aveva dato luce verde alla vendita sulla scorta di una misura di emergenza dell'associazione dei Direttori dei Musei che in aprile, per salvare istituzioni con i conti in profondo rosso a causa del coronavirus, aveva autorizzato a vendere in deroga a precedenti regole che vietavano le "deaccessioni" anche nel caso in cui le opere fossero doppioni o attribuite ad artisti minori o condannate a raccogliere polvere nei magazzini. L'unica eccezione ammessa prima di aprile era di vendere per comprare arte e il Bma ne aveva approfittato l'anno scorso liberandosi di quadri di artisti maschi bianchi per acquistarne altri dipinti da donne e minoranze. (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie