Cavalli, protagonista Scuola Romana

"Sempre in cerca del tono giusto". Rassegna ad Anticoli Corrado

(ANSA) - ROMA, 15 SET - Il nome di Emanuele Cavalli occupa un posto particolare tra gli esponenti della Scuola Romana. La definizione utilizzata dagli Anni Trenta per il gruppo di pittori impegnati nella ricerca figurativa in antitesi con l' arte ufficiale legata al Fascismo venne coniata nel 1933 dal critico francese Waldemar George proprio per le opere della mostra in una galleria di Parigi di cui Cavalli fu protagonista insieme con Corrado Cagli, Giuseppe Capogrossi ed Ezio Sclavi.
    L' artista nel dopoguerra finì nel cono d' ombra a causa della fedeltà alla sua linea in un momento in cui la pittura italiana si stava orientando verso l' astrattismo e l' informale. Su di lui concentra l' attenzione il Museo d' Arte Moderna e Contemporanea di Anticoli Corrado (Roma) presentando fino all' 8 dicembre una trentina di opere selezionate da Manuel Carrera. La mostra "Emanuele Cavalli. tono e forma - realtà e magia", vuole rendere giustizia, spiega il curatore, a un artista che "è stato talvolta trascurato".
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA