Cultura
  1. ANSA.it
  2. Cultura
  3. Di4ri, la prima serie italiana teen di Netflix

Di4ri, la prima serie italiana teen di Netflix

Storie di 8 ragazzi seconda media. Sigla Tancredi che è anche guest star

Una serie che racconta le vite di un gruppo di ragazzi che frequentano le scuole medie puntando l'obiettivo su una delle fasi di passaggio piuù complicate: quella del passaggio da fanciullezza ad adolescenza, ma anche temi come le ricadute di un matrimonio in crisi dei genitori, la dislessia, l'ansia di crescere, la solitudine e l'accettazione. E' Di4ri, la prima serie italiana Netflix teen, prodotta da Stand By Me di Simona Ercolani, con la regia di Alessandro Celli, che debutta il 18 maggio in Italia e dal 26 luglio in tutti i Paesi in cui il servizio è attivo, per un totale di 15 episodi. La trama girerà intorno alle emozioni, i primi amori, i coming out, i litigi e i primi baci, gli screzi, ma anche lo sport, le paure il divertimento, la musica, di otto compagni di classe. Ogni episodio è raccontato dal punto di vista di uno dei protagonisti, un diario personale di cui ognuno si fa di volta in volta voce narrante, parlando direttamente agli spettatori (tranne nel caso del primo episodio, che è l'unico ad avere una doppia narrazione, Pietro nella prima metà e Livia nella seconda). Otto amici, compagni di classe di seconda media, a Marina Piccola (ma non è l'isola d'Elba, è un non luogo) che affrontano prime gioie e dolori della vita. Il tutto a poche settimane dalla fine della scuola, mentre scoprono che il loro istituto è destinato a chiudere e che quindi, dall'anno successivo, frequenteranno classi differenti. La serie è stata presentata alla stampa alla presenza del giovanissimo cast, quasi tutti al debutto, del regista, di Simona Ercolani e di Veronica Vitali. I protagonisti sono Pietro (Andrea Arru - "Pietro sono io, mi rappresenta in tutto e per tutto"); Livia (Flavia Leone), Isabel (Sofia Nicolini), Daniele (Biagio Venditti), Monica (Federica Franzellitti), Giulio (Liam Nicolosi), Mirko (Pietro Sparvoli) e Arianna (Francesca La Cava). Per la serie Tancredi (che comparirà come guest-star nei panni di se stesso in due episodi) ha scritto la sigla "Isole" e durante la conferenza stampa si è esibito cantando il brano, ma anche "Leggi dell'universo" e "Las Vegas". In occasione del lancio della serie, il 18 maggio Tancredi terrà una diretta su Tik Tok. Nel cast, nei panni del bidello Paolo, Fortunato Cerlino (Gomorra-La serie)che in un videomessaggio dice: "E' un progetto nuovo per l'Italia, racconta una fase della vita che è completamente cambiata nella storia del nostro Paese. Ho molto apprezzato il coraggio di parlare senza veli di questioni che riguardano molto i ragazzi spesso nascoste". Biagio Venditti osserva: "Il mio personaggio, Daniele, può essere un esempio. Vedere la naturalezza del suo coming out può aiutare a non avere paura". Nella serie anche la campionessa juniores di salto in lungo Larissa Iapichino, presente in un episodio su una gara di triathlon. Nella prima puntata i ragazzi devono esibirsi in una sfilata in mutande in classe. Ercolani conferma che "in una scuola italiana un episodio simile è accaduto". E spiega che l'idea è nata dopo "una conversazione avuta con la figlia di amici che frequenta le medie: mi ha colpito ciò che mi ha raccontato. E ho pensato che era una storia interessate. Sono ragazzi, non bambini, ma neanche adulti, che si interrogano però". I giovanissimi sulla musica dicono di asclatare un po' di tutto: dal rap al jazz e rock, anche la trap e le canzoni del momento. Durante le riprese hanno ascoltato soprattutto "Pastello bianco" dei Pinguini Tattici Nucleari. Il regista fa notare: "Il vero punto di forza della serie sono le tematiche affrontate. Abbiamo messo i personaggi al centro del nostro mondo". 

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie