Cultura

In tour i ritratti degli Obama, code e sold out

In 11 mesi cinque città Usa. Prima tappa Chicago poi New York

- NEW YORK, 20 GIU - Dopo essere diventati una destinazione a Washington, i ritratti di Barack e Michelle Obama lasciano le pareti della National Portrait Gallery e vanno in tour negli Stati Uniti. Svelati nel 2018, i ritratti sono opera rispettivamente di due artisti afro-americani, Kehinde Wiley e Amy Sherald, e scelti dalla stessa ex coppia presidenziale. Il tour durerà da giugno a maggio del 2022 e raggiungerà milioni di persone che altrimenti non avrebbero avuto modo di ammirare i dipinti. La prima tappa l'Art Institute of Chicago e i biglietti sono già andati esauriti, ci sono anche lunghe code per entrare nel museo. La seconda tappa sarà New York, dal 27 agosto al 24 ottobre al Brooklyn Museum, poi Los Angeles al County Museum of Art, dal 7 novembre al 2 gennaio del 2022, Atlanta al High Museum of Art, dal 14 gennaio al 13 marzo 2022 e infine Houston, al Museum of Fine Arts dal 27 marzo al 30 maggio del 2022. Le cinque destinazioni non sono state scelte a caso ma per il legame che hanno sia con gli Obama sia con gli artisti. "Gli Obama e il museo hanno aiutato a definire Chicago per la gente fuori Chicago - ha detto James Rondeau, presidente dell'Art Institute of Chicago -. I dipinti raccontano la storia di un presidente e la First Lady, quella di tutte le prime volte che rappresentano. Ma vederli assieme appesi al muro sono forse un pò più Michelle e Barack Obama. Si portano dietro tutti i precedenti storici, tutta la loro umanità". A differenza della National Portrait Gallery, dove i ritratti sono stati messi in mostra separatamente, nel tour saranno mostrati infatti uno affianco all'altro.
    La rappresentazione del 44/o presidente e della First Lady si allontana dagli schemi tradizionali con cui viene rappresentato un presidente degli Stati Uniti. Barack Obama è stato infatti ritratto seduto su una sedia lungo un prato verde fiorito mentre Michelle indossa un lungo abito com motivi geometrici che richiamano il 'quilting', e il pattern evoca i quilt creati dalla comunità afro-americana di Gee's Bend in Alabama alla fine del 19/o secolo.
    Dopo l'inaugurazione dei due ritratti a Washington, la Smithsonian American Art Museum and the National Portrait Gallery ha registrato un numero record di visitatori, oltre due milioni e 300 mila nel 2018, un milione in più rispetto al 2017.
    (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA




      Modifica consenso Cookie