• Da Vasco a Giorgia, da Pelù a Ramazzotti, gli artisti ricordano Battiato

Da Vasco a Giorgia, da Pelù a Ramazzotti, gli artisti ricordano Battiato

Sui social i messaggi, ma anche Levante e Tiziano Ferro

" 'Le sento più vicine le sacre sinfonie del tempo Con una idea: che siamo esseri immortali Caduti nelle tenebre, destinati a errare Nei secoli dei secoli, fino a completa guarigione'.. Addio al Maestro Franco Battiato.. Wiva Franco Battiato". Così, citando un passaggio de 'Le sacre sinfonie del tempo', Vasco Rossi, sul suo profilo Instragram, su cui posta anche una foto del cantautore siciliano, ricorda Franco Battiato.

"Franco Battiato, Artista unico e irripetibile nel panorama mondiale, ha lasciato il suo corpo su questa terra ed è partito per un lungo viaggio verso mondi lontanissimi e trovare il suo centro di gravità permanente. Lacio drom Maestro!". Così, su twitter, Piero Pelù ricorda Battiato, postando anche una foto che li ritrae insieme.

 

"Caro Franco, come faremo senza di te nessuno lo sa". Il cantautore Tiziano Ferro affida ad un biglietto scritto a mano su un foglio di quaderno a righe postato su Twitter il suo cordoglio per la morte di Battiato.

Eros Ramazzotti ricorda Franco Battiato

Lungo il messaggio di Morgan su Instagram: "Battiato era uno degli ultimi veri uomini di cultura, in questa Italia mediocre e spenta. Finché è stato al mondo potevo dire che c'era qualcuno che mi capiva. Adesso sia io sia la maggior parte del mondo che mi circonda siamo alla deriva, abbiamo quasi esclusivamente cattivi esempi: egoismo, utilitarismo e ignoranza. Ecco, Battiato era il contrario esatto: un leader umile, generoso e colto. Mi ha sempre chiamato Morganetto. Pace alla sua anima".

"Alla riscossa stupidi che i fiumi sono in piena. Potete stare a Galla": è il saluto di Alessandro Cattelan.  

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA




      Modifica consenso Cookie