Rovazzi, la quarantena mi ha inghiottito nel buio più totale

"Avrei potuto fingere di essere felice, ma non sono capace"

"Avrei davvero voluto darvi una canzone per ballare e scatenarvi quest'estate. Purtroppo non è successo. Il periodo della quarantena è stato un vero incubo personale: mi ha inghiottito nel buio più totale e mi ha sputato fuori cambiandomi". Il mago delle hit estive, Fabio Rovazzi, dopo alcune settimane di assenza dai social torna per raccontare in un post su Instagram il suo stato d'animo.
    "È stata un'occasione per fermarsi a riflettere sulle priorità della vita - scrive Rovazzi -. Spesso, sopratutto di questi tempi, non ci rendiamo conto delle cose realmente importanti. Avrei potuto fingere, in studio e sul palco, di essere felice. Purtroppo non sono capace. Le canzoni sono sempre state un prolungamento del mio stato d'animo e se fossi stato costretto a farne una ora sarebbe uscito un pezzo strappalacrime drammatico (che vi evito molto volentieri)".
    Rovazzi però avverte: "A fine agosto vi annuncerò una operazione a livello mondiale che vi manderà fuori di testa".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA




Modifica consenso Cookie