Bufera su Woody Allen dopo annuncio memoir

Figlia Dylan "sconvolta", Ronan divorzia da Hachette

Nuova bufera su Woody Allen dopo l'annuncio che la sua autobiografia "Apropos of Nothing" uscirà in aprile con Grand Central, una divisione della casa editrice Hachette. Dylan Farrow, che continua ad accusare il padre adottivo di averla molestata da bambina negli anni Novanta, ha definito "sconvolgente" la pubblicazione in contemporanea mondiale (in Italia con La Nave di Teseo) il 7 aprile del memoir, mentre Ronan, l'unico figlio biologico di Woody Allen e Mia Farrow che con Hachette ha pubblicato il bestseller "Catch and Kill", ha annunciato che non lavorerà più con la casa editrice.

"Ronan ha dato voce a molte sopravvissute di molestie sessuali da parte di uomini potenti", ha detto Dylan, parlando di un "tradimento" mentre il giovane Farrow ha scritto al Ceo di Hachette, Michael Pietsch: "Mentre lavoravamo assieme a 'Catch and Kill', un libro che parla anche del danno fatto da Allen alla mia famiglia, negoziavate segretamente per pubblicare un libro di una persona che ha commesso quegli atti di abuso sessuale. Onestamente non posso più lavorare con Hachette. Immagina come sarebbe stato se fosse capitato a tua sorella". Il memoir - ha spiegato Grand Central - racconta la vita, personale e professionale, del regista e attore, "attraverso il suo impegno nel cinema, a teatro, in televisione, nei nightclub e nella stampa". Nell'autobiografia Allen affronta anche "il suo rapporto con la famiglia, gli amici, e gli amori della sua vita".

Dylan ha detto di non esser mai stata contattata direttamente dai "fact checkers" di Hachette per verificare le affermazioni del padre adottivo."Questo ci da' un altro esempio del profondo privilegio consentito dal potere, il denaro e la fama. La complicita' di Hachette dovrebbe essere denunciata per quel che e'", ha detto la giovane donna. Oltre che in Italia e negli Usa, il memoir di Woody uscira' in Francia, Germania e Spagna, tre mercati dove i film del regista sono rimasti popolari anche nell'era #MeToo. Il libro era stato fatto circolare l'anno scorso ma non aveva attirato offerte da parte delle grandi case editrici a causa del clima creato dallo scandalo Harvey Weinstein, l'ex boss di Miramax riconosciuto colpevole a New York di molestie e stupro. Woody Allen ha 84 anni ed e' considerato uno dei grandi registi viventi con film come "Io e Annie" e "Manhattan" e quattro premi Oscar, ma nel 2018 anche anche Amazon si era tirata fuori da un accordo multimilionario di produzione e distribuzione e molti attori come Colin Firth,Greta Gerwig e Timothée Chalamet avevano annunciato che non avrebbero mai piu' girato con lui.

Quanto agli ultimi film, "A Rainy Day in New York" e' uscito in alcuni paesi europei tra cui l'Italia ma non negli Usa, mentre l'ultima produzione, "Rifkin's Festival" con Christoph Waltz e Gina Gershon, girato la scorsa estate, e' ancora in attesa di un distributore.

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie