Cronaca
  1. ANSA.it
  2. Cronaca
  3. L'aborto farmacologico? Non nei consultori

L'aborto farmacologico? Non nei consultori

Indagine sulla RU486, la situazione nelle varie regioni

   La legge 194 sull'interruzione volontaria di gravidanza "non si tocca", continua a ripetere la ministra della Famiglia Eugenia Roccella, fiera anti-abortista. D'altro canto la stessa presidente del Consiglio Giorgia Meloni lo ha ripetuto più volte. A rendere complicato l'accesso all'aborto in Italia, però, non è la minaccia di un cambiamento della norma: è la sua mancata applicazione.

    L'Italia ha un cronico problema di obiezione di coscienza di ginecologi e anestesisti: secondo l'ultima relazione ministeriale sulla 194, si rifiuta di praticare aborti il 69% dei ginecologi e il 47% degli anestesisti. E l'accesso all'aborto farmacologico, possibile entro le 9 settimane di gestazione, non è affatto semplice.
    "La RU486 è una delle testimonianze dell'arretratezza di questo Paese", dice Lisa Canitano, ginecologa romana che si batte da sempre per la difesa della 194. "I francesi e il resto del mondo la usano da 30 anni. In Francia la danno anche i medici di medicina generale che si abilitano per farlo. In Inghilterra si fa anche in telematico, è cominciata con il Covid, ma ora si continua in quella direzione. Si parla con la donna, decidendo insieme a lei se fare un'ecografia preliminare o no. Noi invece l'abbiamo recepita chiedendo 3 giorni di ricovero", dice.

    Dopo la battaglia per la sperimentazione iniziata nel 2005 dal ginecologo Silvio Viale a Torino e dai radicali, la RU486 viene commercializzata in Italia il 10 dicembre 2009: l'Agenzia italiana del farmaco (Aifa) autorizza la commercializzazione del mifepristone, ma con l'obbligo di ricovero e da fare entro la settima settimana di amenorrea, con modalità tendenzialmente più restrittive. Solo nell'agosto del 2020 arrivano le nuove linee di indirizzo, emanate dall'allora ministro Roberto Speranza: l'aborto farmacologico viene consentito fino alla nona settimana anche in regime ambulatoriale e nei consultori familiari.  Ma oggi sono solo due le regioni che distribuiscono la RU486 nei consultori (e solo in alcuni): il Lazio e l'Emilia Romagna.

    "L'IVG farmacologica è regolata da linee di indirizzo e non è offerta in uguale maniera alle donne nelle varie regioni", spiega all'ANSA Anna Pompili, ginecologa di AMICA, Associazione Medici Italiani Contraccezione e Aborto. A livello regionale è la Toscana la prima regione a definire in un protocollo la somministrazione ambulatoriale, extra ospedaliera della pillola abortiva, seguita nel 2021 dal Lazio. In quest'ultima regione l'RU486 viene distribuita sperimentalmente in 6 consultori a Roma e provincia. L'altra regione in cui effettivamente si può accedere all'IVG farmacologica in regime ambulatoriale e in consultorio è l'Emilia Romagna. Per ora solo a Parma, poi sarà possibile anche a Modena, Carpi, Ravenna e Cattolica, ma solo entro la settima settimana e con entrambe le pillole prese in ambulatorio o consultorio. Il riferimento alla settimana non è peregrino perché una donna si accorge di essere incinta mediamente 5 settimane dall'ultima mestruazione, il protocollo della 194 prevede una settimana di riflessione dopo la richiesta di interruzione: il tempo è evidentemente molto limitato.

    Nonostante le difficoltà, la diffusione dell'aborto farmacologico è aumentata notevolmente tra il 2020 e il 2021, nell'anno del covid: tra le regioni che hanno inviato all'ANSA i dati dell'IVG del 2021 si nota un deciso aumento dell'utilizzo dell'aborto farmacologico, con punte del 71,5% della Provincia Autonoma di Trento. 

 

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA



        Modifica consenso Cookie