Cronaca
  1. ANSA.it
  2. Cronaca
  3. La mamma di Regeni: "Chiediamo panchine gialle per Giulio"

La mamma di Regeni: "Chiediamo panchine gialle per Giulio"

Intitolato al giovane ricercatore il parco scolastico di Fiumicello

 Una maratona di letture per rinnovare la richiesta di verità e giustizia per Giulio Regeni. E' quanto è stato organizzato ieri mattina a Fiumicello, paese natale del giovane ricercatore, a sei anni dalla scomparsa da Il Cairo. Una serie di brani e poesie, letti da giovani ed esponenti delle associazioni locali, a cui hanno assistito anche Paola e Claudio Regeni, genitori di Giulio. Uno alla volta, seduti su una panchina gialla installata nei pressi dell'istituto scolastico locale, i lettori hanno dato voce a pensieri ed elencato diritti, soprattutto quelli dei giovani. "Ai diritti aggiungiamo il diritto di avere un Governo dei Giovani. Che è una risorsa. Va tutelata e preservata", hanno detto i genitori di Giulio - come riporta un tweet di Giulio siamo noi - salutando i ragazzi del Governo dei Giovani, iniziativa di educazione civica, di cui Giulio era stato sindaco. "Partecipare oggi è scegliere di lasciare una traccia", ha affermato l'assessore comunale Eva Sfiligoi, aprendo la maratona. Vista l'emergenza sanitaria da Covid 19, l'amministrazione comunale di Fiumicello - Villa Vicentina ha invitato i cittadini a partecipare da casa alle iniziative in programma per oggi accendendo una candela, colorando il balcone o esponendo bandiere per "colorare il paese di giallo".

 

"La targa di Fiumicello è un'azione ufficiale. Provo tanta emozione. In altri luoghi, però, chiediamo azioni concrete, le panchine gialle ad esempio. Ma a Fiumicello, dove Giulio e Irene sono cresciuti e hanno giocato, un parco dedicato a Giulio è cosa giusta". Lo ha detto la mamma di Giulio Regeni, Paola Deffendi, oggi a Fiumicello, in occasione dello scoprimento della targa che intitola il parco scolastico locale a Giulio Regeni.

    Sulla targa gialla - postata sui profili social di Giulio siamo noi - appare lo stemma del comune di Fiumicello-Villa Vicentina e la scritta "Parco scolastico Giulio Regeni - Cittadino di Fiumicello, nato il 15.01.1988 - Ricercatore per l'Università di Cambridge al Cairo, dove fu rapito, torturato, ucciso, il suo corpo fu ritrovato il 03.02.2016".  

Anche il comune di Bolzano ha aderito all'iniziativa promossa a livello nazionale da Amnesty International e sostenuta dal consiglio di quartiere Europa-Novacella su proposta del vicepresidente, Luku Kleodjan. Collocata nella piazzetta antistante il Centro Civico Europa-Novacella ed il Teatro Cristallo, la panchina dipinta di giallo acceso, spiega una nota, "ricorda e indica l'importanza dei diritti umani e il pericolo della loro assenza". Il comune di Bolzano, prosegue la nota, "promuove e sostiene varie iniziative per tenere sempre viva l'attenzione sulla vicenda del giovane ricercatore dell'Università di Cambridge rapito e ucciso a Il Cairo fra il gennaio ed il febbraio 2016 e, in generale, sul tema delle violazioni dei diritti umani. Tra queste lo scorso anno una conferenza online in collaborazione con la famiglia Regeni ed una vetrina nel Passaggio Walther dietro al Municipio allestita con materiale informativo". L'installazione della panchina è stata inaugurata con una cerimonia durante la quale è stato trasmesso un videomessaggio dei genitori di Giulio Regeni.

FOTO : Inaugurazione della Panchina gialla dedicata a Giulio Regeni dinanzi al Teatro Cristallo di Bolzano. Presenti, tra gli altri il sindaco di Bolzano Renzo Caramaschi e la direttrice del Teatro Cristallo Gaia Carroli PHOTO ANSA/Lorenzo Zambello


   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie