Cronaca
  1. ANSA.it
  2. Cronaca
  3. Mattarella: 'Sostenere le famiglie che convivono con disabilità'

Mattarella: 'Sostenere le famiglie che convivono con disabilità'

Gli eventi in programma nella Giornata della disabilità

"Purtroppo la crisi sanitaria, che ancora ci costringe, ha compromesso in molti casi le occasioni di socialità delle persone con disabilità, rendendole più vulnerabili. Si sono prodotte situazioni di vero e proprio isolamento ed esclusione sociale di giovani e adulti i quali hanno sofferto particolarmente per le misure di contenimento della pandemia. Le istituzioni sono state chiamate a sostenere i nuclei familiari che convivono con la disabilità, gravati spesso da problemi economici e lavorativi, al fine di non lasciare nessuno da solo nell'affrontare un problema, quello della tutela della dignità umana, che è responsabilità di tutti". Lo afferma il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in occasione della Giornata internazionale delle persone con disabilita'.   

La ministra alle Disabilità Erika Stefani, aprendo i lavori dell'incontro "Dialogo sulla disabilità. Cosa si è fatto e cosa si può fare insieme" al Senato, ricorda che "abbiamo trascorso due anni difficili che ci consentono oggi di fare un bilancio per gettare le fondamenta di quello che sarà l'impianto del futuro. Non vorrei che la Giornata della disabilità - ha aggiunto - diventasse una di quelle giornate retoriche, come la Giornata delle donne dove ti ricordi delle donne solo in quella giornata. Che non sia mai che pensiamo al mondo delle disabilità, solo nella giornata internazionale. Deve essere un momento di riflessione, attento, dove fare il punto della situazione". "La legge delega sulla disabilità sarà necessariamente approvata e pubblicata in Gazzetta entro il 31 dicembre di quest'anno perché è il termine imposto dal Pnrr, altrimenti pregiudica il medesimo. La legge sa da fare. Gli stessi decreti legislativi dovranno necessariamente essere fatti entro 20 mesi, sempre perché imposto dal programma del Pnrr". Lo ha sottolineato il ministro alle Disabilità Erika Stefani durante l'incontro "Dialogo sulla disabilità. Cosa si è fatto e cosa si può fare insieme" in occasione della Giornata internazionale della Disabilità. "A differenza di tanti altri casi in cui si è parlato di tante riforme che - ha aggiunto - poi restano lettera morta, in deleghe che non sono attuate, oggi sono costretti a farla e di questo sono contenta. Perché è una imposizione che fa sì che si arrivi ad una conclusione". Anche se Stefani ha ammesso che "sarà un lavoro molto impegnativo perché 20 mesi andranno a scavallare un Governo e sarà una grande sfida per chi verrà dopo. Per questo abbiamo fatto un percorso con un ampio confronto con le stesse Federazioni, che ringrazio molto. Il percorso deve essere il più possibile condiviso perché in questa maniera il tema delle disabilità sopravviverà anche alle politiche, ai vari colori e alle varie vicissitudine che possono esserci in un Governo". 

Intanto, nei giorni scorsi, è stata varata la Disability Card:  una tesserina con di foto e QR Code contenente tutti i dati sanitari che, nel rispetto della privacy e della riservatezza, dimostra la condizione di disabilità di chi la esibisce. Edestinata a 4 milioni di persone che hanno tra il 67% e il 100% di invalidità. I potenziali beneficiari potranno da febbraio 2022 fare domanda direttamente sul sito dell'Inps "con una procedura supersemplificata" e dopo due mesi ottenerla. Ad aprile, secondo le stime dell'Inps, saranno pronte le prime Disability Card stampate dall'Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato. La nuova 'carta d'identità' dei disabili avrà una durata di dieci anni e dovrà poi essere rinnovata.

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie