Cronaca
  1. ANSA.it
  2. Cronaca
  3. Strette controlli a Natale, le linee di Lamorgese ai prefetti

Strette controlli a Natale, le linee di Lamorgese ai prefetti

'Momento responsabilità, tutti facciano la propria parte'

 "E' il momento della responsabilità". Mentre l'arrivo della variante Omicron innalza l'allarme in Italia, il ministro dell'Interno, Luciana Lamorgese, lavora sulla stretta ai controlli determinata dal decreto legge che introduce il green pass rafforzato a partire dal 6 dicembre. Domani mattina la titolare del Viminale farà il punto in una riunione da remoto con i venti prefetti dei capoluoghi di regione, il capo della Polizia ed i comandanti generali di Carabinieri e Guardia di finanza. Il nodo, in particolare, è quello di assicurare verifiche a campione su bus e metropolitane. Le forze dell'ordine lamentano carenze negli organici, ma si punterà ad ottimizzarne al massimo l'impiego per garantire un Natale presidiato. Del resto, il premier Mario Draghi, in conferenza stampa dopo l'ultimo cdm, è stato chiaro: "le forze dell'ordine saranno mobilitate in modo totale. C'è tutta una aneddotica sui mancati controlli, bisogna potenziarli". L'articolo 7 del decreto prevede che ciascun prefetto, sentito il Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica, adotti "un piano per l'effettuazione costante di controlli, anche a campione, avvalendosi delle forze di polizia e del personale dei corpi di polizia municipale munito della qualifica di agente di pubblica sicurezza, in modo da garantire il rispetto dell'obbligo del possesso delle certificazioni". E', ha spiegato Lamorgese, "un impegno notevole per le forze dell'ordine, ma c'è tutto l'intento di fare il massimo. Peraltro finora non è che non abbiamo fatto nulla. Dall'1 gennaio sono state controllate 28 milioni di persine e 3,6 milioni di locali. Ora si farà di più con le forze che abbiamo". Pare dunque escluso un ulteriore ricorso ai militari. La coperta è corta, denunciano i sindacati di polizia. Ed anche la ministra ricorda "i tagli agli organici fatti ai tempi della spending review: se fossimo di più sarebbe meglio". Si tratta dunque di impiegare nel modo più efficiente il personale a disposizione, ricorrendo al supporto delle polizie locali e liberando il più possibile agenti dal lavoro amministrativi per dedicarli ai servizi di controllo. Il punto delicato è quello del trasporto pubblico. Impensabile pensare a verifiche puntuali a tappeto su bus e metro (solo a Roma si calcola ogni giorno un volume di 500mila passeggeri).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA




Modifica consenso Cookie