Cronaca

Restano in carcere Castellino, Fiore e gli altri 4 arrestati

Il gip: 'Castellino pericolo per l'ordine pubblico; Fiore organizza ma non si sporca le mani'

Restano in carcere i sei arrestati autori del blitz nella sede della Cgil e protagonisti degli scontri sabato a Roma. Lo ha deciso il gip della Capitale, dopo l'udienza di convalida, ha emesso una nuova ordinanza di custodia cautelare per Giuliano Castellino, Roberto Fiore, entrambi di Forza Nuova, l'ex Nar, Luigi Aronica, Pamela Tesa, Biagio Passaro di IoApro e Salvatore Lubrano.

"La persistenza nel proposito criminoso, l'uso della violenza e il grave pericolo all'ordine pubblico appaiono sintomatici di una personalità prepotente, aggressiva, incapace di controllare gli impulsi violenti e soprattutto priva di qualsivoglia remora". Così il gip di Roma descrive le condotte di Castellino, leader romano di Forza Nuova, nell'ordinanza con cui ribadisce per lui e altri cinque il carcere.

"Fiore non si espone nei comizi, non collabora alla devastazione dei locali del sindacato, ma organizza la manifestazione, dirige i cortei, ne stabilisce i percorsi, tratta e parla con le forze dell'ordine e decide finanche quando l'azione criminosa deve cessare", scrive il gip Annalisa Marzano. "Fiore organizza, pianifica, sollecita, idealizza, istiga ma concretamente 'non si sporca le mani'", aggiunge il giudice.

"Eravamo in piazza per protestare contro il Green pass ma non come militanti di Forza Nuova perché il movimento non opera più". E' quanto hanno affermato Giuliano Castellino e Roberto Fiore nel corso degli interrogatori di convalida dell'arresto per gli scontri avvenuti sabato a Roma durante i quali è stata devastata la sede della Cgil. Al termine dell'atto istruttorio il gip Annalisa Marzano si è riservata di decidere. 
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA




Modifica consenso Cookie