Cronaca

Nella Pa obbligo di Green pass dal 15 ottobre senza deroghe

Tranne per esenti dal vaccino. Nessun automatismo con lo smartworking

Dal 15 ottobre i dipendenti della Pubblica Amministrazione e qualunque altro soggetto che entri in un ufficio pubblico, tranne gli utenti, dovranno essere muniti di green pass. Lo prevedono le schede sulle linee guida Funzione pubblica-Salute sui meccanismi di controllo del green pass, diffuse da Palazzo Vidoni. "Non sono consentite deroghe" all'obbligo, da cui "sono esclusi soltanto gli esenti dalla campagna vaccinale" con idonea certificazione medica. Quindi - si apprende, secondo il testo che ha avuto l'ok della Conferenza unificata - non è consentito ai lavoratori senza green pass essere adibiti allo smartworking in sostituzione del lavoro in presenza.

Zaia: fare un decreto per le aziende per evitare il caos - "Adesso c'è la partita del 15 ottobre, dell'obbligo del green pass sul lavoro. Non possiamo mettere in difficoltà le aziende. Se il Governo non prende in mano questa situazione prima del 15 sarà il caos. Facciamo in modo che le aziende possano usare i test 'fai da te' e se la vedano direttamente con i loro lavoratori". E' l'appello che il governatore Luca Zaia fa al Governo sul tema del certificato verde per i lavoratori. "Ho fatto fare un conto - ha aggiunto - In Veneto abbiamo 590.000 persone in età lavorativa non vaccinate: anche fossero solo la metà che non lavorano, ne avremmo 300-350.000 da testare ogni 48 ore. Impossibile". 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA




Modifica consenso Cookie