Cronaca

Ermini, è urgente la riforma del Csm

Secondo il vice presidente del Consiglio superiore della magistratura 'serve un ripudio secco del carrierismo: ha generato patti scellerati e valutazioni arbitrarie'

"Tutti noi avvertiamo l'urgenza di un incisivo intervento riformatore che, salvaguardando e, se possibile, rafforzando la dignità e l'autorevolezza del Csm quale organo di rilievo costituzionale, rimuova da un lato il rischio di prassi distorsive nei meccanismi di nomina e valutazione ancorandole in modo definitivo al merito e alle capacità e dall'altro promuova una partecipazione e una rappresentanza non condizionate da legami personali o logiche di schieramento". Lo dice il vice presidente del Csm David Ermini nel suo indirizzo di saluto al corso della Scuola superiore della magistratura dedicato all'etica del magistrato. 

Un concetto chiarito anche poco prima, nel corso del plenum del Csm che ha approvato all'unanimità il rendiconto finanziario sulla gestione del 2020, chiuso anche questa volta, soprattutto a causa della pandemia che ha limitato le attività, con un corposo avanzo di amministrazione, che sommato a quello degli anni precedenti arriva a 17 milioni di euro. "Siamo tutti in attesa che il Parlamento porti a conclusione la riforma del Csm e in quel momento, in tempi brevi, noi saremo chiamati a dover modificare sia il regolamento di contabilità che il regolamento interno, sulla base delle modifiche che il parlamento approverà", ha detto Ermini, secondo cui è inoltre "urgente che la magistratura nel suo insieme sappia cogliere questa triste congiuntura per rigenerarsi nel profondo".

"Serve un coraggioso rinnovamento culturale - ha spiegato -, serve il ripudio secco del carrierismo e dei metodi correntizi, serve soprattutto ritrovare una forte carica etica che valga a riconquistare nell'interesse generale fiducia e legittimazione". Il vice presidente del Csm indica nel "carrierismo smodato" il "vero male che sta inquinando la credibilità dell'ordine giudiziario".

"Un carrierismo che - ha affermato nel suo saluto a un corso sull'etica del magistrato organizzato dalla Scuola della magistratura - ha generato patti scellerati, valutazioni arbitrarie, grumi di convenienze. Trasformando il pluralismo associativo, che è in sé una ricchezza, in becere cordate correntizie, se non (peggio ancora) in frazioni clientelari interne. E soprattutto trasformando agli occhi dell'opinione pubblica l'indipendenza e l'autonomia, capisaldi dell'equilibrio tra i poteri e garanzia di tutela dei diritti, in privilegio odioso e ingiustificato".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA




Modifica consenso Cookie