Vaccini: 'Diritto Cura',appello a Wto e Draghi stop brevetti

'Tragedia India riguarda tutti, punto non ritorno'

(ANSA) - MILANO, 03 MAG - Oltre 390.000 casi di infezione e 3.700 morti in India nelle ultime 24 ore, 69.000 infetti in Brasile nello stesso arco di tempo. Partendo da questi drammatici dati il Comitato italiano 'Diritto alla Cura' chiede di sospendere temporaneamente i brevetti dei vaccini in tutto il mondo al Wto, l'Organizzazione mondiale del commercio, e per quanto riguarda il nostro Paese un intervento in tal senso del premier Mario Draghi.
    "Al Wto potrebbe essere l'ultima chiamata per i popoli della Terra, un punto di non ritorno: il 5-6 maggio Draghi sostenga la proposta di moratoria dei brevetti di India e Sud Africa, che riguarda tutti, così come gli abbiamo chiesto nella lettera del 19 aprile scorso"", afferma il Comitato.
    La campagna, con la petizione Ice (Iniziativa cittadini europei), si propone la raccolta di un milione di firme per "obbligare i governi europei a modificare la loro posizione sui brevetti, https://noprofitonpandemic.eu/it". "La sospensione temporanea dei brevetti sui vaccini è l'unica scelta da fare con urgenza- sottolinea Vittorio Agnoletto, portavoce della Campagna europea -Right2Cure #NoprofitOnPandemic - perchè solo così si può consentirne la produzione a livello mondiale in tutte le aziende che ne abbiano le tecnologie: l'aumento dei decessi in tutto il pianeta è in stretta correlazione con la mancata disponibilità dei vaccini, che le aziende titolari dei brevetti non sono in grado di assicurare, per cui bisogna urgentemente coprire il fabbisogno mondiale". Il Comitato denuncia che "solo lo 0,2% delle dosi di vaccini è stato somministrato nei Paesi a basso reddito" (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie