Ponte Genova: controllore non aveva mai visto il Morandi

Emerge dalle intercettazioni

(ANSA) - GENOVA, 16 APR - L'uomo che aveva il compito di classificare il rischio del ponte Morandi non lo aveva mai visto dal vivo. E oltre a non avere ispezionato di persona l'infrastruttura - che dal 2013 nei documenti di Aspi era indicata a rischio crollo per ritardate manutenzioni - quel funzionario a Genova non era mai stato. Lo riportano alcuni quotidiani ed è quanto emerge dalle intercettazioni. "Io non ci ero mai andato a Genova a vedere questo ponte mi han detto: 'Fai l'analisi dei rischi catastrofali'. E io: ok". È il 28 marzo del 2019 e Roberto Salvi, membro operativo del risk management di Autostrade, ne parla al telefono con il padre. (ANSA).

RETTIFICA - ROMA, 22 APR - In relazione alla notizia più in alto riportata, gli avvocati Fabrizio Marino e Salvatore Proietti, nell'interesse di Roberto Salvi, hanno diffuso una nota di rettifica nella quale è scritto: "La conversazione, da cui sono estratti frammenti, avviene in via strettamente confidenziale familiare e privata tra il Dott. Roberto Salvi ed il padre anziano, tesa a rassicurare semplicisticamente il genitore di non essere incorso in alcuna responsabilità. Il Dott. Roberto Salvi non è indagato, in quanto dai lunghi interrogatori ai quali è stato sottoposto, richiesto dagli inquirenti (G.d.F.), e resi con spirito collaborativo per l’accertamento della verità, non è emersa alcuna responsabilità a suo carico, e tutto ciò che ha riferito è fondato su prove certe e documentate.Il Dott. Roberto Salvi, è Laureato in Economia e Commercio col massimo dei voti, ed ha conseguito il Titolo di Dottore Commercialista e Revisore dei conti, ed è uno stimato esperto in Risk Management aziendale, qualifica ottenuta grazie ai Corsi di specializzazione post-universitaria certificati dall’ente “The Institute of Internal Auditors” (IIA) – Florida (USA)” e precisamente, nel 2007 “Certified in Control Self-Assessment (CCSA)” e nel 2009 “Certified in Risk Management Assurance (CRMA)”. Pertanto, il Dott. Roberto Salvi non è un tecnico, come erroneamente qualificato nell’articolo, né un ingegnere, ma un economista esperto di Risk Management. Non era, quindi, un "controllore", nè era tenuto ad ispezionare di persona le infrastrutture".

 

   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA




      Modifica consenso Cookie