• Alessio Bertrand, unico sopravvissuto sulla Moby Prince: 'Da 30 anni vivo con l'ansia'

Alessio Bertrand, unico sopravvissuto sulla Moby Prince: 'Da 30 anni vivo con l'ansia'

Al Tg1, 'dicevo ai soccorritori, recuperiamo qualcun altro'

"Pure gli altri ce la dovevano fare, perché solo io? Non mi do pace su questo". E' quanto ha detto Alessio Bertrand, l'unico superstite della tragedia della Moby Prince intervistato dal Tg1. "Da trent'anni.. tutti i giorni...vivo con l'ansia, con la depressione, prendo psicofarmaci", ha aggiunto.
    Appena salvato il marinaio aveva urlato: "Restiamo qua, recuperiamo qualcun altro. Pure prima di andare nell'ambulanza al porto ero innervosito, e dicevo: aiutiamo gli altri, perché ci sono altre persone".

    Ancora oggi Bertrand non riesce a dormire più di tre ore a notte. Con il risarcimento ha comprato la casa dove vive ad Ercolano con la moglie e due figli, che mantiene con la sua pensione d'invalidità. All'epoca era un mozzo di 23 anni, imbarcato con lo zio: da allora non è mai più salito su una nave.

    "Sentimmo il boato, uscimmo fuori, andavamo avanti e indietro senza sapere dove andare. Poi mi sono appeso a un corrimano, aspettando qualcuno. Poi mi sono buttato a mare, e mi hanno preso due ormeggiatori, che poi mi hanno portato sulla motovedetta della capitaneria di porto".

    A trent'anni di distanza pensa che si possa ancora arrivare ad una verità giudiziaria? "Se indagano tutti quanti sì, si può sapere la verità. Per me, per i miei amici, per mio zio". 

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA




      Modifica consenso Cookie