Covid, Sami Modiano: 'Vaccinarsi è necessario'

Zingaretti: 'Avanti così, un'immagine di fiducia e speranza'

"Oggi mi sono stupito di tanta gentilezza, non mi aspettavo tutta questa attenzione. Sono grato ai dottori e agli infermieri che mi hanno vaccinato. Fare il vaccino è necessario per noi e per gli altri, specialmente alla nostra età". Queste le parole di Sami Modiano, uno degli ultimi sopravvissuti ad Auschwitz, dopo aver ricevuto la prima dose di vaccino contro il Covid, questa mattina al Campus biomedico. "La vita - ha detto - ci mette davanti a sfide inaspettate e spesso molto dure, ma abbiamo dentro di noi la forza per superarle. Dobbiamo restare ottimisti".

"Sami Modiano, sopravvissuto ad Auschwitz, ha appena fatto il vaccino anti Covid insieme a sua moglie Selma. Nel Lazio abbiamo iniziato le vaccinazioni per gli over 80 anni. Avanti così, un'immagine di fiducia e speranza per tutti! Grazie Sami! #vaccino". Così in un post su Fb il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti.

Modiano e la moglie Selma sono stati vaccinati all'Università Campus Bio-Medico di Roma. "Grazie ai medici e agli operatori sanitari per il loro impegno nella salvaguardia della salute delle fasce più deboli della popolazione", il commento della comunità ebraica di Roma. Erano presenti anche la presidente della comunità, Ruth Dureghello, e Zingaretti.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA




Modifica consenso Cookie