Oltre 100mila vaccinati, ma la lentezza preoccupa il Governo

Lazio in testa e Lombardia in coda: iniettate solo 3,8% di dosi

Superati i centomila vaccinati in Italia in una settimana, con il lavoro dei medici a velocità variabile a seconda delle regioni. Prosegue tra perplessità e polemiche la campagna vaccinale della Fase 1 in Italia (che con 109.454 vaccinati è al secondo posto in Europa, dietro alla Germania, per numero di somministrazioni). Ad attaccare il Piano vaccini messo a punto dagli esperti e dal Commissario per l'Emergenza, Domenico Arcuri, è anche la ministra per l'Agricoltura, Teresa Bellanova, che parla di "insufficienza e poca chiarezza". Ma i ritardi e le problematiche legati alla mancanza di medici, al personale sanitario in ferie e alla carenza di siringhe di precisione mettono in apprensione anche altri membri dell'Esecutivo e i tecnici, che hanno manifestato preoccupazione proprio nel corso vertice di Governo tenuto dal premier Giuseppe Conte, con i capigruppo della maggioranza, il ministro per le Autonomie, Francesco Boccia, e i membri del Comitato Tecnico Scientifico.


    Sotto i riflettori è finita la Lombardia: con il suo 3,8% di vaccinazioni effettuate rispetto alle dosi ricevute è ancora in coda alla classifica sulle somministrazioni. Quella graduatoria è "agghiacciante", tuona l'assessore alla Salute della Lombardia, Giulio Gallera - "per non parlare - aggiunge - di quelle regioni che hanno fatto la corsa per dimostrare di essere più brave di chissà chi. Noi siamo una regione seria". Ma il suo stesso partito, la Lega, gela l'assessore specificando che le sue dichiarazioni "non sono state condivise e non rappresentano il pensiero del governo della Lombardia".
    I sette governatori del Carroccio, da Fontana a Zaia passando anche per quelli di Sardegna, Friuli, Calabria, Umbria e Trentino - chiedono in coro di "garantire subito quanto promesso dal governo: personale sanitario per effettuare le vaccinazioni" per non rischiare "di mettere ulteriormente sotto stress un sistema già stremato". Un monito arriva anche da Toti Amato, componente del direttivo della Federazione nazionale degli Ordini dei Medici, il quale sottolinea "la necessità e l'urgenza di vaccinare tutti i medici e chi lavora nella sanità a strettissimo contatto con i cittadini e i pazienti. Certo è - aggiunge - che non si può procedere in ordine sparso, con il passa parola o utilizzando liste appese alle porte che creano inevitabilmente assembramenti e attese snervanti".

    C'è anche chi come il governatore Nicola Zingaretti, con il Lazio che svetta in classifica tra i territori virtuosi, commenta soddisfatto: "siamo tutti e tutte impegnati con numeri nella nostra Regione davvero ottimi". Il Lazio, con 22.225 vaccinati, è in effetti la regione con il più alto numero di vaccinazioni in assoluto ed anche quella con la più alta percentuale di vaccinati (48,5%) sul numero di dosi consegnate (45.805). Nelle ultime posizioni della classifica è collocata invece la Lombardia che, a fronte di 80.595 dosi ricevute (il numero più alto tra le regioni) ha vaccinato solo 3.085 persone, pari al 3,8%. Meno solo la Calabria (3,5%), la Sardegna (3,0%), il Molise (1,7%) Resta un'incognita l'arrivo dei vaccini, almeno nel timing stabilito nelle scorse settimane.

 "Visto che, con ogni probabilità, andremo incontro a un periodo di nuove restrizioni dolorose per cittadini ed economia, è fondamentale accelerare la campagna dei vaccini". Lo scrive sui social il governatore Giovanni Toti. "Israele ha dimostrato che con regole e procedure appropriate in pochi giorni è stato immunizzato 1 mln di persone. Parliamoci chiaro: non sono le Regioni a rallentare l'iter dei vaccini. Servono dosi, in quantità massiccia, serve personale che il Governo deve assumere e mandare nelle regioni e strumenti che deve acquistare la struttura commissariale nazionale".

Da più parti si paventa un ulteriore slittamento dei tempi per la fase della vaccinazione di massa, che prevedeva date di consegna dei colossi farmaceutici non più avvenute proprio perché le fasi di sperimentazioni delle varie aziende non sono complete. Ma il viceministro alla Salute, Pierpaolo Sileri, assicura: "verosimilmente, nel corso del primo semestre del 2021 progressivamente tutti i vaccini saranno disponibili, mentre la campagna andrà avanti per tutto l'anno".

    La macchina del Piano prosegue anche sul fronte della custodia e della scorta alle dosi. Il ministro dell'Interno, Luciana Lamorgese, presiederà nelle prossime ore un Comitato Nazionale convocato "per un esame delle questioni di sicurezza ed ordine pubblico attinenti l'attuazione della campagna di distribuzione delle dosi vaccinali". 
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie