• Coronavirus: arrivi da Grecia, Spagna, Croazia e Malta, ecco cosa fare

Coronavirus: arrivi da Grecia, Spagna, Croazia e Malta, ecco cosa fare

L'ordinanza di Speranza in vigore da oggi, il percorso previsto. Come si stanno attrezzando le Regioni. Diecimila gli italiani interessati

Chi entra in Italia da Croazia, Grecia, Malta o Spagna e che è stato lì nell'arco dei 14 giorni antecedenti (non solo per un soggiorno ma anche per un semplice transito), deve fare il test tampone per accertare o meno il contagio da Sars-Cov-2. E' quanto contenuto nell'Ordinanza firmata dal ministero della Salute Roberto Speranza per le misure di contenimento del Covid-19. I passeggeri hanno l'obbligo di presentare al vettore (o comunque a chiunque sia deputato a fare i controlli sulle attestazioni), 72 ore prima dell'ingresso in Italia, i risultati di un test (molecolare o antigenico), effettuato attraverso un tampone e che deve risultare negativo. Inoltre, nel caso in cui ce ne sia la possibilità, c'è l'obbligo di effettuare il test al momento dell'arrivo in aeroporto, nel porto o nell'area di confine, oppure, entro 48 ore dall'arrivo in Italia, presso l'azienda sanitaria locale di riferimento. In attesa del test è necessario sottoporsi a un isolamento fiduciario. "Nessuno ha numeri e dati precisi, in Italia non esiste un monitoraggio preciso né rispetto agli arrivi e né rispetto alle partenze, nemmeno l'Enit ha numeri aggiornati se non alla fine dell'anno. Possiamo fare una stima molto approssimativa e dire che in questo momento circa diecimila italiani sono all'estero per turismo. Si dividono principalmente tra Spagna e Grecia e a seguire in Croazia e a Malta (più piccola e raggiungibile sono in aereo)". Lo dice interpellata dall'ANSA Ivana Jelinic, presidente della Fiavet, Federazione Italiana Associazioni Imprese Viaggi e Turismo.

Tutti coloro i quali arrivano da Croazia, Grecia, Malta o Spagna sono obbligate a comunicare, una volta in Italia, il loro arrivo al Dipartimento di prevenzione dell'azienda sanitaria competente per territorio. Nel caso in cui insorgano sintomi riconducibili al Covid-19 c'è l'obbligo di segnalarlo alle aziende sanitarie attraverso i numeri telefonici dedicati e di sottoporsi, secondo le determinazioni all'isolamento.

Le Regioni dunque si attrezzano e arrivano le ordinanze dei governatori. Tamponi obbligatori per chi rientra dalle mete individuate da Speranza per i calabresi da oggi fino al 7 settembre. L'ordinanza di Iole Santelli prevede anche "l'obbligo dell'uso delle mascherine o altre protezioni idonee, in tutti i luoghi chiusi e all'aperto accessibili al pubblico, nelle circostanze in cui la distanza interpersonale non possa essere rispettata, fermo restando in ogni caso il divieto di assembramento". 

Tamponi obbligatori anche in Sardegna, Liguria, Campania,Piemonte e Veneto dove il governatore Zaia ha annunciato: 'Stiamo predisponendo di attivarci nei punti di arrivo come porti e aeroporti con tamponi rapidi'. 

Nel Lazio "da oggi sono attivi tutti i drive-in per eseguire i test su chi rientra dalla Grecia, Croazia, Spagna e Malta. Chi rientra nel Lazio deve fare due cose: comunicarlo al numero verde 800.118.800 o attraverso la app 'Lazio Doctor Covid' e recarsi al drive-in con tessera sanitaria e documento di viaggio. Se va con ricetta del medico velocizza le operazioni di tracciamento. I drive-in sono aperti tutti i giorni dalle 9 alle 18 ad eccezione della domenica (Il drive del San Giovanni è aperto anche la domenica). per ogni informazione contratta il numero verde 800.118.800 o segnala il tuo rientro attraverso l'app 'lazio doctor covid'". Lo comunica l'Unità di Crisi COVID-19 della Regione. 

Per chi rientra in Emilia-Romagna da Croazia, Grecia, Malta e Spagna non ci sarà quarantena nel tempo di attesa per il tampone e nemmeno per l'attesa dell'esito. Confermato l'obbligo di informare le autorità sanitarie dell'arrivo da quei Paesi per essere sottoposti al test. Lo chiarisce Raffaele Donini, assessore regionale alla Salute, a proposito dell'ordinanza del ministro della Salute emanata ieri che regolamenta l'ingresso in Italia da parte di chi ha soggiornato in Paesi nei quali sta salendo l'indice dei contagi da Covid-19. "Sul tema relativo ai rientri da Croazia, Grecia, Malta e Spagna, questa mattina abbiamo fatto il punto con il Ministero della salute su alcuni aspetti dell'ordinanza emanata ieri - spiega in una nota Donini - Naturalmente condividiamo l'impianto del provvedimento, che avevamo discusso, e per certi aspetti anticipato, insieme ieri. Abbiamo convenuto con il Ministero che, per quanto ci riguarda, i test che verranno fatti all'arrivo dai Paesi citati nell'ordinanza del ministro sono da considerarsi come una indagine epidemiologica. Per questo, non si prevede l'isolamento fiduciario della persona né per quanto riguarda il periodo di attesa per essere sottoposto a tampone, né per quanto riguarda l'attesa di ricevere l'esito del test. Resta confermato l'obbligo di informare le autorità sanitarie dell'arrivo da quei Paesi, per essere poi sottoposti al test. Faccio ancora un appello all'osservanza di tutte le norme di prevenzione - sottolinea l'assessore - dal distanziamento, all'uso della mascherina, al lavaggio frequente delle mani".

Il presidente del Veneto, Luca Zaia, firma una nuova ordinanza valida fino al 6 settembre per "mettere in sicurezza il territorio" e che, rispetto al Dpcm del Governo, "implica comportamenti a cui obbligatoriamente deve sottostare - puntualizza - chi viene da alcuni Paesi considerati 'a rischio o che fa parte di specifiche categorie'". Tra i soggetti individuati, ai quali viene richiesto il test Covid, vi sono i lavoratori nelle case di riposo e delle strutture per i non autosufficienti. Costoro al rientro in Veneto dall'estero dovranno chiamare il proprio medico di base o le strutture sanitarie e dovranno sottoporsi obbligatoriamente al tampone, che saràgratuito: chi si sottrarrà andrà incontro ad una sanzione di mille euro. Obbligo eguale per gli operatori sanitari di ospedali e ospice, per le badanti o quanti svolgono assistenza domiciliare ad anziani e disabili. Tra le altre categorie coinvolte direttamente nell'ordinanza rientrano pure i lavoratori stagionali del settore agricolo e chi compie una trasferta di lavoro all'estero. L'attenzione particolare riguarda chi rientra da Paesi in cui vige la quarantena. Nell'ordinanza si fa esplicito riferimento, fa sapere Zaia, a chi proviene da Romania e Bulgaria e rientra in Veneto con pullman o bus turistici. Per chi giunge nella Regione da nazioni in cui non vige la quarantena, come Croazia, Malta, Grecia e Malta, è fatto obbligo di effettuare il test Covid. Presi in considerazione anche "i gruppi target, che rivestono particolare interesse epidemiologico" come i pakistani. Infine, per i cinema, le attività sportive o gli spettacoli dal vivo, continua ad applicarsi la distanza di sicurezza e l'obbligo di indossare la mascherina.

    RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

    Video ANSA




    Modifica consenso Cookie