Cronaca

  • Migranti: Pm di Catania, no al fermo per chi fa lo scafista per necessità

Migranti: Pm di Catania, no al fermo per chi fa lo scafista per necessità

Il Papa: è la tragedia più grande dopo la Seconda Guerra Mondiale. Minniti, l'intesa con la Germania sblocca l'accoglienza

I giovani scafisti costretti dalle organizzazioni  criminali a fare da 'driver' a natanti carichi di migranti agiscono sotto stato di necessità, per questo non è configurabile per loro il reato di favoreggiamento dell'immigrazione clandestina. E' la linea della Procura di Catania, contenuta in una circolare del procuratore Carmelo Zuccaro, illustrata dal magistrato durante la sua audizione a Palazzo San Macuto davanti la commissione Schengen. La decisione fa seguito anche a pronunce del Tribunale del riesame.

Le Ong mettono in "scacco" le inchieste sul traffico - "Dobbiamo registrare una sorta di scacco che la presenza di Ong provoca all'attività di contrasto degli organizzatori del traffico di migranti", ha aggiunto Zuccaro, sottolineando come "l'intervento immediato delle navi delle Ong rende inutile le indagini anche sui 'facilitatori' delle organizzazioni criminali, rendendo più difficili le indagini".

Zuccaro ha poi annunciato che "aprirà un'inchiesta per favoreggiamento dell'immigrazione clandestina nei coinfronti delle "Ong che non inseguono profitti privati, ma si rendono responsabili della violazione dell'art. 12 della Bossi-Fini", non appena "si verificherà uno di questi casi". "Perché - ha aggiunto - si può dubitare del fatto che si sceglie sempre il porto d'approdo e si portano in Italia migranti che non dovrebbero arrivare".

Il procuratore ha spiegato che la "convenzione di Ginevra impone di portare le persone soccorse in mare nel porto più vicino, e questo non avviene". Ma, ha precisato, "questa non è una violazione penalmente perseguibile". Per il procuratore Zuccaro "la magistratura applica le leggi" e una eventuale inchiesta, che al momento ha ribadito non esserci, "non è la soluzione al problema". "Il resto - ha aggiunto rivolgendosi alla Commissione - e nelle vostre mani, è responsabilità della politica".

Il Papa, la tragedia più grande dopo la II Guerra - "Il problema dei rifugiati, dei migranti, oggi, è la tragedia più grande dopo quella della Seconda guerra mondiale". Lo ha detto il Papa salutando i partecipanti all'incontro per direttori 'Migrantes' incoraggiandoli a "proseguire nell'impegno per l'accoglienza e e l'ospitalità dei profughi e dei rifugiati, favorendo la loro integrazione, tenendo conto dei diritti e dei doveri reciproci per chi accoglie e chi è accolto". 

Minniti, l'intesa con la Germania sblocca l'accoglienza - C'è la convergenza tra Roma e Berlino al cuore dell'accordo sui migranti raggiunto al vertice di Roma di lunedì: la Germania, con la sua decisione di accogliere 500 migranti al mese ha sbloccato la situazione. Lo spiega - in un colloquio con La Stampa in apertura di prima pagina - il ministro dell'Interno, Marco Minniti, che aggiunge: "Ora anche Austria e Svizzera hanno promesso di aprire le porte a quote significative di migranti".

"Si tratta - dice - di mettere da parte egoismi e chiusure nel nome di un'Europa mai messa in discussione come in questo momento": la sfida, da qui alle elezioni, è quella di far tornare nei cittadini l'immagine dell'Europa "come una risorsa che, nonostante il buio delle minacce del populismo e della destra xenofoba, sa trovare lo slancio per guardare al futuro". Minniti fa il punto sugli sbarchi e la cooperazione con la sponda Sud del Mediterraneo: "Oltre il 90 per cento dei flussi arriva dalla Libia, ma nessuno di loro è cittadino libico, provengono prevalentemente dall'area subsahariana. Il resto viene dall'Egitto, il secondo punto di snodo dei flussi migratori verso l'Italia. E mentre con il Niger è più vicina una collaborazione per favorire i controlli al confine a Sud della Libia, con l'Egitto stiamo ancora lavorando".

Giro, 'i rimpatri forzati non si possono fare' - I rimpatri forzati "sono molto difficili da fare. Quindi bisogna anche dirlo agli italiani: i respingimenti forzati, diciamo soprattutto prendere la gente e mandarla via in blocco, non esistono, non si fanno, non si possono fare se non in casi individuali molto precisi". Lo ha detto il viceministro degli Esteri Mario Giro intervenendo a Radio Anch'io. Quindi, ha spiegato, "bisogna fare i rimpatri volontari assistiti..., che presuppongo tutta una costruzione, (in termini di) piano di rientro, soldi, cooperazione".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA




Modifica consenso Cookie