Delitto Sarah Scazzi, ecco l'audio delle intercettazioni

Annunciate le dichiarazioni spontanee di Cosima

La deposizione di un perito che ha trascritto alcune intercettazioni telefoniche e, soprattutto, le dichiarazioni spontanee di Cosima Serrano, annunciate già qualche settimana fa dai suoi legali, saranno al centro dell'udienza di domani del processo di secondo grado, dinanzi alla Corte di Assise di appello di Taranto, per l'omicidio di Sarah Scazzi, la quindicenne di Avetrana (Taranto) strangolata e gettata in un pozzo-cisterna il 26 agosto 2010.

Ecco le intercettazioni

 

 

Per il delitto, nonché per sequestro di persona e per soppressione di cadavere, Cosima Serrano, zia di Sarah, è stata condannata in primo grado (20 aprile 2013) all'ergastolo insieme alla figlia Sabrina Misseri (identiche imputazioni). Le due donne sono detenute nella stessa cella del carcere di Taranto. Per concorso in soppressione di cadavere il marito di Cosima e padre di Sabrina, l'agricoltore Michele Misseri, è stato condannato in primo grado ad otto anni di reclusione.

   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA