Sisma&Ricostruzione

Terremoto: Ancona, protocollo sicurezza e legalità cantieri

Incontro Prefettura, da remoto ex pg ora supervisore Cardella

(ANSA) - ANCONA, 10 SET - Garantire una cornice di sicurezza e legalità in tutte le fasi della ricostruzione post-sisma 2016 attraverso il monitoraggio, la prevenzione ed il contrasto delle principali criticità di settore, quali il lavoro nero o grigio, il dumping contrattuale, i fenomeni elusivi, l'evasione contributiva e i fenomeni infortunistici. E' l'obiettivo di un protocollo di legalità firmato durante un incontro presieduto dal prefetto di Ancona Darco Pellos, con la partecipazione in videoconferenza del dott. Fausto Cardella, magistrato ex Procuratore generale, designato dal Commissario Straordinario al Sisma, del dott. Paolo Grieco, vice direttore vicario della Struttura di Missione Antimafia Sisma 2016 presso il Ministero dell'Interno. Gli enti firmatari sono Inps, Inail, Ispettorato Territoriale del Lavoro, Agenzia delle Entrate, Asur Area vasta 2 - Fabriano, Cgil-Fillea, Cisl-Filca, Uil-Feneal, Cassa Edile della Provincia di Ancona, Cedam Marche, Confindustria Ance, Confartigianato Imprese, Cna Costruzioni, Legacoop Marche; hanno avviato un percorso di collaborazione inter- istituzionale che avrà come punto di raccordo il tavolo permanente costituito presso la Prefettura. Il tavolo consentirà di armonizzare le istanze delle parti sociali con quella del rispetto delle norme. Il prefetto Pellos ha evidenziato in una nota che "la strada intrapresa è espressione di una pubblica amministrazione flessibile che, in sinergia con tutti gli Enti interessati, dedica una costante attenzione alla legalità e sicurezza nel mondo del lavoro garantendo che i finanziamenti statali destinati alla ricostruzione compiano il percorso migliore". (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA




Modifica consenso Cookie