Sisma&Ricostruzione

Terremoto: Draghi, adesso ricostruzione sta procedendo

Vescovo Rieti, non servono presepi ma borghi attivi

(ANSA) - ROMA, 24 AGO - "Se oggi sono qui è perché lo Stato vi è vicino. In passato è stato lento ma adesso la situazione è diversa: i lavori di ricostruzione stanno procedendo più velocemente. Sono oggi qui a portarvi fiducia e l'impegno del Governo". L'ha detto il presidente del Consiglio, Mario Draghi incontrando una delegazione di familiari delle vittime del terremoto di Amatrice, nel quinto anniversario. Lo riferisce una nota di Palazzo Chigi, aggiungendo che il premier ha ascoltato con grande attenzione e partecipazione le parole dei familiari delle vittime. "Non abbiamo bisogno di nuovi presepi ma di borghi attivi". Ha detto il vescovo di Rieti, monsignor Domenico Pompili durante l'omelia della messa ad Amatrice per le vittime del terremoto del 24 agosto 2016. "Perciò faccio una proposta condivisa da tanti e attesa dalla fine dell'800 - ha aggiunto - il ponte più urgente da costruirsi è quello per collegare l'Italia centrale. Secondo un'indagine recente di Bankitalia, il ritardo del centro Italia è dovuto all'arretratezza delle sue infrastrutture". E ha concluso denunciando i problemi di collegamento per qualche centinaio di chilometri tra Adriatico e Tirreno, dove passa la Salaria, definiti "un' imperdonabile leggerezza". Quindi "si tratta di decidere se questa è una idea da cestinare e progettare qui ora e subito". (ANSA).
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA




Modifica consenso Cookie