Covid, a Visso, 'per noi terremotati Natale più triste'

Vicesindaco, 'da soli nelle Sae, sarà dura'

(ANSA) - VISSO (MACERATA), 21 DIC - "Per noi terremotati sarà il Natale più triste, trascorrere da soli le feste dentro le casette Sae sarà molto dura": è quanto dice all'ANSA il vicesindaco di Visso, Patrizia Serfaustini che nel borgo montano del Maceratese, si occupa anche degli eventi culturali e quindi anche di quelli natalizi. "Negli anni passati, nonostante i disagi del terremoto, per le feste potevamo ritrovarci dentro le casette con parenti e amici e questo ci permetteva di dimenticarci per un momento delle difficoltà che viviamo, questa volta, invece, con la prospettiva di trascorrere i giorni di festa in zona rossa resteremo soli con i nostri pensieri e i nostri problemi", racconta. "Sono molto in ansia per come affronteranno tutto questo, sotto il profilo morale, le persone più anziane e in generale più fragili", aggiunge la vicesindaco che, a sua volta, vive in una Sae. "Quest'anno l'emergenza covid si è andata a sommare a quella del terremoto, ma nonostante questo per la prima volta dal dopo sisma abbiamo voluto realizzare a Visso l'albero di Natale proprio all'ingresso del borgo che è ancora in zona rossa", racconta Serfaustini. "L'abbiamo fatto - spiega - per dare un segnale di speranza, abbiamo voluto accendere una luce sul buio che ancora avvolge il nostro paese". (ANSA).
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA




Modifica consenso Cookie