Recovery: Morani, pronto piano da 5 miliardi per aree sisma

Ricostruzione e nuovo modello sviluppo per Appennino centrale

(ANSA) - ANCONA, 13 OTT - Un piano da 5 miliardi di euro per le zone colpite dal terremoto in vista del Recovery Fund. E' quello messo a punto da Alessia Morani, sottosegretario al Ministero dello Sviluppo economico, insieme al commissario Giovanni Legnini, a Fabrizio Curcio, responsabile di Casa Italia, e a una squadra di esperti. "Ci siamo messi immediatamente al lavoro - spiega Morani - per presentare un progetto per le aree del sisma. La proposta progettuale per le zone del terremoto deriva da una precisa idea di fondo, che trova sintesi nel titolo stesso del macroprogetto, ossia ricostruzione sicura, sostenibile e connessa. Con queste misure, che sono già dettagliate in 5 schede progettuali, e che richiedono investimenti per quasi 5 miliardi di euro, vogliamo riattivare i territori, partendo dalla valorizzazione dell'identità e delle specificità locali, dal rafforzamento nei territori delle infrastrutture sociali, formative ed economiche e dal potenziamento delle reti tecnologiche e dei trasporti". "Le proposte - precisa la sottosegretaria - partono dalla consapevolezza di come una azione di ricostruzione sia innanzitutto una azione di sistema ed in questo senso le aree del cratere del sisma del 2016 e del 2009 costituiscono una parte del nostro paese che va pienamente recuperata. Al tempo stesso - aggiunge - ricostruire non significa il ritorno alla situazione pre sisma ma significa creare le condizioni per la ripresa di un cammino cha dalla messa in sicurezza del territorio produca nuove opportunità e valorizzi le potenzialità locali attraverso infrastrutture e interventi innovativi. Questo progetto mira a innescare un nuovo modello per lo sviluppo dell'Appennino centrale: il fine è quello di promuovere attraverso il ricorso al Recovery Fund investimenti ed interventi in grado di determinare le condizioni per rimanere, per abitare, per trasferirsi, per lavorare, per imparare, per specializzarsi e per fare cultura e turismo ecosostenibile. Gli interventi sono quindi rivolti in primo luogo - seguita Morani - ad alimentare le condizioni economiche e sociali necessarie a contrastare un fenomeno di spopolamento che è stato accelerato ed aggravato dalle vicende del sisma e a favorire lo sviluppo dell'imprenditorialità, dell'agricoltura, della ricettività turistica, della qualità sociale e sanitaria in luoghi ricchi di vocazioni territoriali e di specializzazioni produttive, da trasferire alle nuove generazioni. Le linee progettuali, raggruppate in 5 schede, saranno condivise con i presidenti delle Regioni e delle Anci colpite dai terremoti" assicura. (ANSA).
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA




Modifica consenso Cookie