Terremoto, Falcucci, Conte passa alla storia se salva montagna

Norme certe e durature, personale, fiscalità agevolata

(ANSA) - CASTELSANTANGELO SUL NERA, 04 SET - "Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha l'occasione per passare alla storia, salvando la montagna italiana. Iniziando dalla ricostruzione del Centro Italia terremotato". Lo ha detto all'ANSA il sindaco di Castelsantangelo sul Nera (Macerata) Mauro Falcucci, che ieri pomeriggio ha partecipato a Palazzo Chigi, assieme agli altri amministratori del cratere sismico, al vertice con il premier e il commissario straordinario Giovanni Legnini. "Dopo 4 anni, tanti sono trascorsi dalla prima grande scossa - ha sottolineato il sindaco -, adesso è giunto il momento di avere norme certe e durature negli anni, come ad esempio la stabilizzazione del personale. Non possiamo andare più avanti con provvedimenti di 6 mesi per 6 mesi". "Dobbiamo garantirci che le professionalità acquisite in questi anni possano continuare il lavoro intrapreso - ha aggiunto -. Per far questo occorre che il governo emani immediatamente delle leggi chiare". "Servono anche norme certe per salvare i nostri territori montani e in generale la montagna italiana, su tutti occorre una fiscalità agevolata che possa essere di attrazione per investimenti e ritorni abitativi ", ha insistito Falcucci. "Voglio ricordare che in 10 anni le zone montane del nostro Paese hanno perso un milione di abitanti, se non si inverte la tendenza la montagna morirà, in primis quella devastata dal sisma. Ecco perché Conte ha l'occasione di passare alla storia come il premier che ha salvato le vette dell'Italia", ha conclusoil sindaco di Castelsantangelo sul Nera. (ANSA).
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA




Modifica consenso Cookie