Sicilia

Turismo: Gigi Bagnasco, imprenditore hotel 'chiavi in mano'

Dall'utilizzo maestri artigiani locali a linea green sostenibile

Redazione ANSA PALERMO

(ANSA) - PALERMO, 05 AGO - Ha ristrutturato e arredato hotel e resort di lusso in tutta la Sicilia - da Taormina alle Eolie, dalle Valle dei templi di Agrigento ad alberghi storici dell'isola - ma anche in diverse regioni italiane e all'estero.
    Gigi Bagnasco, imprenditore palermitano, è a capo del brand Habitat Design Lab. L'obiettivo del gruppo imprenditoriale è quello di realizzare strutture turistiche di altissimo livello, all'insegna della qualità e della sostenibilità ambientale.
    "Dal 1934 la passione per il legno e per i manufatti artigianali segnano l'ingresso della mia famiglia nel settore dell'arredamento" racconta Bagnasco. "In seguito ci siamo specializzati nel settore dell'interior design e dell'ospitalità turistica. Oggi, l'obiettivo è soddisfare ogni esigenza legata alla ricettività offrendo ai clienti un impegno creativo costante, in continuo aggiornamento per interpretare il nuovo concept di ospitalità".
    Gigi Bagnasco lavora insieme alla moglie Daniela Sammartano, interior designer specializzata nella progettazione e nell'interior di case, ristoranti, spa e strutture turistico ricettive, tra le quali ad esempio il Kempinski Giardino di Costanza per il quale si è occupata della progettazione e realizzazione di tutti gli interni ed esterni, incluso il verde collaborando direttamente con il management della catena alberghiera internaziionale. La coppia, insieme a un affiatato gruppo di collaboratori, si occupa di tutto: dalla progettazione alla realizzazione definitiva, garantendo sempre altissimi standard qualitativi, grazie alla maestria di artigiani specializzati, fino alla consegna della struttura "chiavi in mano" e al lancio sul mercato. "Ci occupiamo di brand identity e visual identity" - spiega l'imprenditore che è anche responsabile del settore Contract per Sicindustria. "Particolare attenzione è rivolta alla scelta di materiali naturali, gli arredi sono atossici e rispettano i protocolli e le normative vigenti per la tutela dell'ambiente. Nei settori della progettazione e del design, dell'illuminazione, dell'imbottito e del tessile, degli arredi, della grafica e della comunicazione collaboriamo con partner dall'esperienza pluriennale, con particolare attenzione all'innovazione e alla creatività ma sempre nel rispetto della tradizione". A cominciare dai materiali e dalle maestranze. "Per ognuno di questi settori - spiega Bagnasco - ci avvaliamo esclusivamente di personale qualificato che da anni lavora con noi. L'innovazione della nostra azienda risiede nel sapiente uso di maestri artigiani locali". Dai lavori sartoriali per quanto riguarda i tessuti e i tendaggi a esperti ebanisti per gli arredi in legno fino ai maestri scalpellini in grado di lavorare la pietra, il tutto inserito nel rispetto rigoroso del territorio.
    Lavori a km 0, dunque, ma anche a basso impatto ambientale.
    Come testimonia uno degli ultimi progetti dell'azienda, Mediterraneattitudine, che riguarda la realizzazione di amenities e linee cortesia per il settore turistico ricettivo.
    "Le linee Mediterraneattitudine - dice Bagnasco - profumano di isola e ne raccontano storie, colori e ricchezze. Ficodindia e agrumi, uva e olio di oliva accarezzano e abbracciano il corpo e i sensi. Le immagini evocano luoghi di mare e di terra e narrano di storie antiche e tradizioni popolari. Attitudine solidale rientra tra le nostre linee cortesia ma si differenzia per elementi di innovazione e sostenibilità. E' infatti composta esclusivamente da prodotti solidi e realizzati artigianalmente sulle pendici dell'Etna, shampoo-balsamo, gel doccia, sapone mani e sapone intimo. Il packaging di cartone, plastic free, e realizzato e stampato da imprese locali, per garantire un impatto minimo sui trasporti e sulla sostenibilità del progetto". (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Archiviato in


      Modifica consenso Cookie