>ANSA-LA-STORIA/Internato in campo nazista, compie 100 anni

E' Giuseppe Giattino, ex bottaio, che viva a Marsala.

Redazione ANSA MARSALA

(ANSA) - MARSALA, 13 MAG - Ha compiuto 100 anni, a Marsala, uno degli ultimi "internati militari italiani" nei campi di prigionia e lavoro nazisti ancora in vita. E' Giuseppe Giattino, ex bottaio, che abita a Marsala. Vedovo da 25 anni di Rosa Criscenti, è stato festeggiato, ieri, dai figli Pietro, Vita e Carmela, nonché dai più stretti familiari, fra cui 6 nipoti e 4 pronipoti. Il vice sindaco Paolo Ruggieri gli ha consegnato una targa ricordo a nome della città e dell'amministrazione comunale.
    Nato a Marsala il 12 maggio del 1921, a 19 anni, come tanti altri suoi coetanei, Giattino fu chiamato alle armi. Dopo un paio d'anni passati a Treviso, dopo l'armistizio dell'8 settembre 1943, venne catturato dai soldati tedeschi e rinchiuso in un lager in Polonia, dove rifiutò la proposta di arruolarsi come volontario italiano nell'esercito nazista. Venne, quindi, mandato ai lavori forzati in Germania, a Hildesheim, una cittadina "passata alla storia - si legge in una nota diffusa dall'ufficio stampa del Comune di Marsala - per la strage di tanti prigionieri italiani". Durante i due anni di prigionia, fu costretto a sfamarsi con bucce di patate e qualche foglia d'insalata, con la speranza di poter tornare nella sua terra i suoi genitori e gli altri due fratelli, che come lui erano in guerra. Nel marzo del 1945, sfruttando la confusione creatasi per un bombardamento sferrato dagli inglesi, insieme ad altri commilitoni italiani riuscì, rischiando la vita, a fuggire. Il viaggio di ritorno a casa, tra tante peripezie e pericoli, durò circa un mese. A Marsala, seppe che i suoi due fratelli maggiori non erano riusciti a salvarsi ed erano stati dati per dispersi.
    Il prossimo 2 giugno, ha comunicato la Presidenza del Consiglio, Giuseppe Giattino, che ha sempre gelosamente conservato il foglio di prigionia redatto dai tedeschi, verrà insignito della Medaglia al valore per i deportati di guerra. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Archiviato in


      Modifica consenso Cookie