Sicilia

Teatro Biondo: debutta allo Steri il Misantropo di Moliere

Messa in scena di Falco prodotta dallo Stabile palermitano

(ANSA) - PALERMO, 12 GIU - Reduce dalla prima nazionale al Rossetti di Trieste e dalle repliche allo Stabile di Bolzano, debutterà allo Steri Chiaramonte di Palermo - martedì 15 giugno alle ore 20.30 per la stagione estiva Teatro Biondo - Il misantropo di Molière nella messa in scena di Fabrizio Falco prodotta dallo Stabile palermitano.
    A partire da un classico della letteratura teatrale barocca, che nel corso della storia si è proposto come un'inesauribile fonte di chiavi di lettura, aprendo a un numero infinito di interpretazioni, Fabrizio Falco (che interpreta il ruolo di Filinto) guida una compagnia di giovanissimi attori siciliani nel vorticoso gioco di specchi proposto da Molière, per invitare a riflettere sul senso e sul valore estetico e morale di cui la società odierna si trova vittima e artefice.
    Davide Cirri, che è anche regista assistente, interpreta il ruolo di Alceste, al fianco di Claudio Pellegrini (Oronte), Alice Canzonieri (Célimène), Rita Debora Iannotta (Eliante), Doriana Costanzo (Arsinoè), Costantino Buttitta (Acaste), Luca Carbone (Clitandro), Francesco Cristiano Russo (Basco).
    Le scene sono di Luca Mannino, i costumi di Gabriella Magrì, le luci di Marco Santoro e le musiche di Angelo Vitaliano.
    "Cercherò di inseguire la verità di Moliere, per quanto inafferrabile, ma sarà proprio l'anelito, la spinta verso, che creerà la giusta tensione. La verità dei rapporti è la richiesta di Alceste, e questa sarà la linea guida della regia.
    Nient'altro. Il teatro ha bisogno di poco per vivere da un punto di vista esteriore, ma ha bisogno di molto lavoro invisibile, ha bisogno di verità. In un'epoca di fake news, credo che anche nel nostro mondo ci sia bisogno di verità", afferma Falco. Alla base del disegno registico vi è l'idea di trasformare l'edificio teatrale nel salone della casa di Célimène, dove si avvicendano tutti i personaggi della commedia e nel quale il pubblico è anch'esso partecipe. La scena, aperta su un palcoscenico spoglio, consente agli attori di occupare tutto lo spazio a loro disposizione, abitando la platea e rompendo così la quarta parete in un'interazione confidenziale con gli spettatori (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere



      Modifica consenso Cookie