Sicilia

Montante, svolta antimafia Confindustria con mio codice etico

Ex leader industriali siciliani depone in Corte appello Nissena

(ANSA) - CALTANISSETTA, 12 GIU - "La mia azione di legalità in Confindustria cominciò già nel 2005, nel tempo poi ci siamo costituiti parte civile in tutti i processi, a partire dall'operazione Munda Mundis di Gela nel 2007. Fu proprio grazie al mio codice etico che in Confindustria ci fu una svolta nel segno dell'antimafia". Lo ha detto Antonello Montante deponendo davanti la Corte d'appello di Caltanissetta in cui è imputato, con altre quattro persone, per associazione finalizzata alla corruzione e accesso abusivo nel sistema informatico. L'ex leader di Confindustria Sicilia, condannato in primo grado a 14 anni per associazione finalizzata alla corruzione e acceso abusivo al sistema informatico, ha risposto alle domande dei suoi difensori, gli avvocati Carlo Taormina e Giuseppe Panepinto nell'aula bunker del carcere Malaspina di Caltanissetta.
    Montante ha raccontato anche dei suoi primi passi nel mondo degli industriali quando, socio in una società di ammortizzatori, divenne presidente dei giovani imprenditori.
    "Nel processo scaturito dall'operazione Colpo di Grazia nel quale era imputato anche Di Francesco (imprenditore poi indagato per concorso esterno in associazione mafiosa ndr) - ha detto - fui io a fare costituire Alfonso Cicero, allora presidente dell'Irsap, come parte civile". E sempre nei confronti di Cicero, uno dei testi dell'accusa, insieme a Marco Venturi, ha sostenuto: "Quando lui cominciò a corteggiarmi io già da tempo avevo avviato la stagione della legalità". (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie