Comuni: Palermo; Orlando, consiglio in stato confusionale

"Bocciatura delibere fa perdere milioni a città e blocco opere"

(ANSA) - PALERMO, 18 APR - "Da alcuni mesi si registra in consiglio comunale una situazione di stato confusionale, con la bocciatura di delibere come il bilancio consolidato, che bloccano tutte le operazioni relative al potenziamento della macchina comunale, quella del piano triennale delle opere pubbliche che in sostanza ci fa perdere milioni e milioni di euro e la possibilità di sbloccare una serie di lavori fondamentali per la città. Ovviamente la conseguenza di tutto questo è anche la perdita di posti di lavoro e il danno erariale". Lo ha detto il sindaco Leoluca Orlando nel corso di una videoconferenza stampa convocata a seguito della crisi che si è aperta a Palazzo delle Aquile e le schermaglie con Italia Viva, rappresentata in giunta da due assessori Leopoldo Piampiano e Toni Costumati. "Voglio precisare che il mio non è un attacco al consiglio comunale - ha aggiunto Orlando - ma che ci sia stata una gestione nervosa da parte di chi guida il consiglio comunale (il presidente Totò Orlando ha aderito a Italia Viva) negli ultimi tempi, diventato un luogo per processare dirigenti dell'amministrazione, è un dato di fatto.
    Ritengo che nelle dinamiche dei lavori consiliari ci sia un ruolo della maggioranza e un ruolo della minoranza, quindi è normale che quest'ultima possa emendare una delibera, ma bocciare per intero i provvedimenti è un'altra cosa. E' una mortificazione per tutto il consiglio comunale continuare - ha proseguito - a tenere in piedi una finta maggioranza, e' un'operazione che la città non merita. Ognuno si guardi allo specchio". Inevitabili le critiche del sindaco ai renziani. "- "E' un comportamento ambiguo quello di Italia Viva, un clima confuso che non serve né alla maggioranza né all'opposizione.
    Meglio un governo di minoranza allora, chi esce dalla maggioranza si assuma la responsabilità di aver tradito la coalizione. Così non si va avanti, ci vuole una svolta. Chiedo a tutti di fare chiarezza". Orlando ha ricordato che la mancata approvazione del programma triennale delle opere pubbliche fa perdere 45 milioni per il tram, 11 milioni per l'illuminazione e 58 di fondi Gescal, 90 per i fondi Cis e per altre operazioni.
    "Sono blocchi - ha detto - che fanno riferimento a somme di bilancio comunale di derivazione europea. Le due delibere saranno riproposte" (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere



      Modifica consenso Cookie