Alluvione Casteldaccia: 3 rinviati a giudizio, anche sindaco

Nella tragedia persero la vita nove persone nucleo familiare

(ANSA) - PALERMO, 15 APR - Il giudice per l'udienza preliminare Claudio Emanuele Bencivini ha rinviato a giudizio il sindaco di Casteldaccia, Giovanni Di Giacinto, l'architetto Maria De Nembo e Antonino Pace, il proprietario della villetta travolta dalle acque di un torrente esondato per le piogge il 3 novembre del 2018. Nella tragedia persero la vita nove persone tra i quali due bambini di uno e tre anni. L'imputazione è di omicidio colposo per tutti e tre. L'archiviazione per non aver commesso il fatto è stata decisa per il sindaco pro tempore dal 2013 al 2018 Fabio Spatafora, Rosalba Buglino, Alfio Tornese e Michele Cara Pitissi, tutti e tre dell'ufficio comunale con competenze in materia di sanatoria o condono edilizio.
    Archiviazione anche per Concetta Scurria, moglie di Pace. Le famiglie delle vittime sono difese dagli avvocati Carmelo Adamo, Antony De Lisi, Barbara Mistretta, Maria Valentina Morgana e Enrico Tignini. Il giorno dell'esondazione era prevista un'allerta maltempo e la villetta fu invasa da una massa di acqua e fango che non lasciò scampo ai nove componenti del nucleo familiare in contrada Dagali di Cavallaro. Quella notte si salvarono solo in quattro: Giuseppe Giordano, commerciante di moto che aveva affittato da Pace la villetta vicino al fiume Milicia e che si aggrappò a un albero, il cognato Luca Rughoo e le loro due figlie di 11 e 12 anni che erano andate con lo zio a comprare i dolci. La casa era abusiva e sull'immobile pendeva un provvedimento di demolizione. (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere



      Modifica consenso Cookie