Governo: Calogero Mannino, partiti siciliani contano poco

Ex ministro Dc, vicenda sottosegretari emblematica

(ANSA) - PALERMO, 25 FEB - "Sulla nomina dei sottosegretari non c'è un disegno del capo del governo, che ha raccolto le indicazioni dei partiti: l'assenza di esponenti siciliani nei posti chiave dimostra che i dirigenti dei partiti in Sicilia contano poco. Io sono fuori dalla politica, la guardo con distacco e amarezza". Così l'ex ministro ed esponente di spicco della Dc, Calogero Mannino, 81 anni, conversando con l'ANSA.
    Per Mannino la scarsa presenza di siciliani nella compagine di governo e di sottogoverno "è un problema". "Il Sud è trascurato - dice - e la Sicilia lo è ancora di più". "I partiti - prosegue - non sono più quelli d'un tempo e non torneranno a esserlo. De democristiano riconosco che il Pci era un grande partito con una forte ispirazione ideologica, nonostante alcuni aspetti critici la tensione ideale era evidente. Questo avveniva anche nella Dc, ora è tutto diverso". Il tema del Mezzogiorno, secondo l'ex ministro, "rimane centrale". "Ma sotto Roma - osserva - vedo un Paese abbandonato. Sono curioso di vedere cosa farà concretamente il presidente del Consiglio: ci sono cose importantissime da fare al Sud e in Sicilia, penso alla rete ferroviaria e alle strade". Il "peso impalpabile" della classe politici siciliana potrebbe essere un danno". "Eravamo un laboratorio politico - conclude - E' passato tanto tempo".
    (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie