Covid: comprare colomba di Pasqua in farmacia,fondi per cure

Iniziativa Federfarma-Piera Cutino per aiuti malati ematologici

(ANSA) - PALERMO, 24 FEB - Regalare una colomba a Pasqua può aiutare a trovare una cura che aiuti i pazienti affetti da malattie ematologiche a evitare le gravi conseguenze che il Covid-19 provoca nei loro organismi, molto più che in altri soggetti. Fino al prossimo 11 marzo nelle 19mila farmacie italiane è possibile ordinarla al prezzo di 16 euro inquadrando con lo smartphone il QR code esposto nella locandina "Donare la colomba rende felici come una Pasqua", la campagna di raccolta fondi organizzata da Federfarma nazionale e dall'associazione "Piera Cutino" che a Palermo, all'ospedale "Cervello" sostiene la ricerca, l'assistenza e la cura dei pazienti affetti da malattie ematologiche, con testimonial Stefania Petyx, inviata col Bassotto di "Striscia la Notizia".
    "E' arrivata la cavalleria - ha detto Stefania Petyx in videoconferenza - ogni Natale e Pasqua abbiamo sostenuto la ricerca della 'Piera Cutino' con la raccolta fondi nelle piazze, ma le restrizioni per il Covid adesso ce lo hanno impedito.
    L'iniziativa di Federfarma è geniale perché ci ha offerto una immensa alternativa".
    "Ogni farmacia aderente - ha aggiunto Roberto Tobia, segretario nazionale e presidente provinciale di Federfarma - potrà acquistare 12 colombe come contributo diretto alla campagna. E svolgerà azione di sensibilizzazione verso i propri pazienti".
    "Sono talassemica dalla nascita - ha raccontato Federica Giadone, paziente del Cervello - a marzo 2020 ho contratto il Covid in ospedale, sono stata positiva 88 giorni, sono rimasta ricoverata fino a giugno, da sola, con gravi sofferenze, anche una trombosi alle gambe e ai polmoni e ho temuto di non rivedere più la mia famiglia". "Purtroppo - ha spiegato il prof. Aurelio Maggio, direttore di Ematologia al 'Cervello' - nei pazienti con talassemia e anemia falciforme il Covid ha un andamento più severo che in altri soggetti, spesso porta a insufficienza respiratoria grave e non esiste a oggi una cura antivirale davvero efficace". "Ringraziamo la generosità dei farmacisti e di tutti coloro che vorranno contribuire attraverso le farmacie", ha concluso Giuseppe Cutino, socio fondatore della 'Piero Cutino' (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie