Gregoretti: udienza a Catania, Lamorgese depone come teste

Dopo sarà sentito Di Maio. Salvini presente in aula

Si tiene nell'aula bunker del carcere di Bicocca a Catania la deposizione del ministro dell'Interno, Luciana Lamorgese, come testimone, nell'ambito dell'udienza preliminare del procedimento Gregoretti per la richiesta di rinvio a giudizio di Matteo Salvini. Subito dopo è prevista la deposizione, sempre come testimone, dell'allora vice premier e attuale ministro degli Esteri, Luigi Di Maio. L'ex ministro dell'Interno, presente assieme al suo legale, l'avvocato Giulia Bongiorno, è imputato per sequestro di persona per il ritardo dello sbarco di 131 migranti nel luglio del 2019. L'udienza è presieduta dal presidente dei Gip di Catania, Nunzio Sarpietro.

Sono presenti anche i legali delle parti civili, gli avvocati Daniela Ciancimino (Legambiente nazionale e Sicilia), Antonio Feroleto (Arci nazionale) e Corrado Giuliano (Accoglierete) e il penalista Massimo Ferrante che rappresenta una famiglia di migranti presente sulla nave Gregoretti. 

Una testimonianza "lunga, approfondita e documentata" - a quanto si apprende - è stata fornita dalla ministra dalla ministra dell'Interno, Luciana Lamorgese, oggi in occasione dell'udienza preliminare per il caso Gregoretti a Catania, su tutti i passaggi che hanno determinato le decisioni prese in occasione degli sbarchi di migranti. La titolare del Viminale ha risposto a tutte le domande rivolte dai magistrati, dagli avvocati di parte civile e dalla legale di Matteo Salvini, Giulia Bongiorno. Lamorgese ha parlato soltanto - carte alla mano - di quanto avvenuto sotto la sua gestione, nel Governo Conte II. In questo periodo il tempo medio di permanenza in mare dei migranti soccorsi da navi umanitarie - secondo la testimonianza resa - è stato di due giorni e mezzo dal momento della richiesta del Pos (il porto sicuro) in acque sar italiane all'effettivo sbarco. Per i primi tre casi successivi al suo insediamento il 5 settembre 2019 (riguardanti le navi Ocean Viking, Alan Kurdi e Aita Mari) la procedura seguita è stata quella del Governo precedente, con l'autorizzazione allo sbarco seguita all'ottenimento della disponibilità di accoglienza da parte dei Paesi Ue e la media non è stata rispettata. Ma in seguito, dal novembre del 2019, c'è stato un riallineamento dei tempi tra la ricerca della solidarietà europea e la concessione del Pos. La ministra ha riferito che comunque ogni evento fa storia a sè ed ha le sue peculiarità. Ha spiegato le complicazioni determinate dalla pandemia da Covid, con la difficoltà di trovare un porto adatto ed organizzare l'accoglienza a terra. Ed ha inoltre rivendicato l'efficacia delle navi-quarantena nella gestione degli arrivi durante l'emergenza Coronavirus.

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie