Mafia: operazione nell'agrigentino, scoperto il "paracco"

Organizzazione parallela a Cosa Nostra, determinante un pentito

(ANSA) - AGRIGENTO, 13 GEN - Determinanti, per l'inchiesta che ha portato all'operazione "Oro bianco", sono state anche le dichiarazioni del collaboratore di giustizia Giuseppe Quaranta di Favara (Ag). Quaranta ha spiegato che "a Palma di Montechiaro a gestire ogni cosa c'è Rosario Pace, inteso 'cucciuvì'". I rapporti con il reggente della famiglia mafiosa di Cosa Nostra di Palma di Montechiaro - stando a quanto emerge dall'inchiesta - sono di stretta collaborazione.
    Quella scoperta a Palma di Montechiaro non è la tradizionale Cosa Nostra, ma ne ricalca lo schema organizzativo. Ed è per questo che la Procura di Palermo contesta il reato di associazione a delinquere di stampo mafioso. Il "paracco" è gruppo criminale che non fa parte di Cosa Nostra, ma ne ha tutte le caratteristiche organizzative. Come la stidda si affianca alla mafia, di cui subisce l'autorità, ma si muove in autonomia.
    Quaranta ha descritto le "famigghiedde" costituite da una decina di persone, i "paraccari", e hanno una struttura gerarchica composta da capi, sottocapi, capidecina e tutti si mettono sotto l'ombrello di protezione dell'associazione criminale. (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030



        Modifica consenso Cookie