Mafia: Pm, Messina Denaro per Riina era 'luce degli occhi'

Requisitoria processo a superlatitante per stragi di Palermo

(ANSA) - ROMA, 26 GIU - "Nel pieno del processo sulla Trattativa Totò Riina è inferocito. Si lamenta di Matteo Messina Denaro, che definisce un 'ragazzino che si è messo a prendere soldi, si interessa di sé stesso e non delle questioni. 'Se ci fosse suo padre, che era un bravo cristiano che mi dava a suo figlio per farne quello che dovevo fare...'". A ricostruire il rapporto tra il capo dei capi di Cosa nostra e il superlatitante è il pm Gabriele Paci nella requisitoria per il processo, a Caltanissetta, a Matteo Messina Denaro, accusato di essere uno dei mandanti degli attentati di Capaci e Via D'Amelio.
    "Brusca fornisce una indicazione fondamentale - ha continuato il pm Paci - siamo alla fine del '92. Riina gli fa una confidenza e gli dice 'guarda che se mi succede qualcosa i picciotti, Giuseppe Graviano e Matteo, sanno tutto'". Il pm Gabriele Paci durante la requisitoria ha più volte sottolineato come Riina parlasse di Messina Denaro come "la luce dei suoi occhi". "Il padre lo aveva messo nelle sue mani - ha detto il pm Paci - 'E io l'ho fatto buono', diceva Riina, ricordando questo mafioso che gli era cresciuto sulle ginocchia". (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie