Migranti: quattro sbarchi in poche ore a Lampedusa

Hotspot già pieno, controlli per coronavirus sul molo. Parrocchia apre le porte

Quattro sbarchi nel giro di poche ore a Lampedusa. Tra ieri sera e questa mattina sono approdati direttamente sull'isola oltre circa 150 migranti. Dopo gli arrivi di due barconi con 72 e 64 migranti sono infatti arrivati altri dieci profughi su una piccola imbarcazione, mentre una quarta sta entrando in porto. I migranti vengono sottoposti a controlli per il coronavirus nelle tende allestite dalla Protezione Civile sul molo Favaloro, in attesa che venga deciso dove saranno trasferiti. L'hotspot dell'isola è infatti già pieno.

Sia il sindaco dell'isola Totò Martello che il Governatore della Sicilia Nello Musumeci hanno sollecitato l'invio di una nave davanti le coste di Lampedusa dove trasferire i migranti per la quarantena.

Mediterranea Saving Humans esprime "solidarietà alla parrocchia di San Gerlando, a Lampedusa, che ha aperto le porte della Casa della fraternità per dare ospitalità dignitosa a 44 dei migranti e profughi che sono riusciti a salvarsi attraversando il mare e che erano stati lasciati all'aperto sul pontile d'approdo. Il centro di accoglienza dell'isola, infatti, è in sovraffollamento con gli ultimi sbarchi autonomi sull'isola, hanno passato la notte appena trascorsa all'addiaccio sul molo Favaloro. Per questo ribadiamo la richiesta urgente al Governo italiano di procedere al trasferimento in strutture d'accoglienza sul continente dei migranti". "Il governo italiano e le istituzioni europee - conclude Mediterranea - non lascino da sola Lampedusa: se l'isola viene considerata la 'Porta d'Europa', tutti devono farsi carico di soluzioni rispettose dei suoi abitanti e dignitose per i migranti".

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere



      Modifica consenso Cookie