Turisti siciliani in Laos, rientrati

"E' stata dura ma stiano bene e siamo in quarantena"

   Ce l'hanno fatta a tornare in Italia e stanno bene i due siciliani Agostino Blando, 30 anni, originario di Gangi ma nato a Palermo e la fidanzata Chiara Sapienza, 30 anni bloccati nella capitale del Laos, Vientiane, da settimane, dopo che erano state chiuse le frontiere prima per gli italiani e poi per tutti gli europei. I due sono atterrati a Catania ieri dopo il volo Vientiane-Zurigo, poi per Roma e quindi per la Sicilia. "E' stata dura, ma stiamo bene siamo a casa in quarantena - dice al telefono Agostino che fino a qualche mese fa viveva in Inghilterra dove faceva il cameriere e altri lavoretti, insieme alla fidanzata, architetto - Siamo tornati grazie alla Svizzera che ci ha accolti nel loro volo e con noi altri 30 italiani". Agostino racconta di decine di telefonate con l'ambasciata italiana a Bangkok, in Laos c'è solo un console, ma alla fine grazie anche ad una altra coppia, lui italiano e lei Svizzera e la loro bambina, sono riusciti ad inserirsi nel volo per Zurigo.
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere



      Modifica consenso Cookie