Mafia: Cantone, alcuni dubbi sul Codice antimafia

Presidente Anac, perplesso su estensione norme a corruzione

(ANSA) - PALERMO, 4 LUG - "Sul codice antimafia ho delle perplessità. Sono d'accordo su gran parte della normativa nella forma in cui è stata approvata perché c'è necessità di intervenire sul codice antimafia soprattutto sulla gestione dei beni confiscati. Sicuramente va nella giusta direzione". Lo ha detto Raffaele Cantone, presidente dell'Autorità Anticorruzione, commentando le modifiche al codice antimafia. "Sono molto perplesso - ha proseguito - per quanto riguarda l'estensione della normativa antimafia alla corruzione perché credo che si tratti di due istituti diversi e si rischia di snaturare un sistema di prevenzione che ha un suo carattere eccezionale legato alle mafie, credo che sia poco opportuno inserirlo all'interno dell'anticorruzione ma ovviamente è il parlamento a fare le valutazioni". (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA


Vai al Canale: ANSA2030
Vai alla rubrica: Pianeta Camere



Modifica consenso Cookie