Mafia: clan in lotta, fermate 28 persone

Blitz per scongiurare "imminenti e gravi" fatti di sangue

(ANSA) - CATANIA, 20 APR - Il fermo dei reggenti di tre clan legati a Cosa Nostra è l'avere evitato una guerra di mafia che stava per esplodere. Sono gli obiettivi che la Procura di Catania ritiene di avere raggiunto con l'operazione Kronos dei Carabinieri del Ros di Catania, che hanno fermato 28 persone indagate a vario titolo per associazione mafiosa, duplice omicidio e detenzione illegale di armi.
Tra i destinatari del provvedimento anche Francesco Santapaola, 37 anni, figlio di Salvatore, quest'ultimo cugino del capo mafia Benedetto. Secondo la Dda della Procura di Catania era lui l'attuale reggente della famiglia Santapaola-Ercolano. Tra i fermati anche Salvatore Seminara, 70 anni, ritenuto il reggente della famiglia di Caltagirone, e Pippo Floridia, di 60 anni, che la Procura colloca ai vertici del clan Nardo di Lentini. 

   'Se abbaia la cagnolina suona la chitarra...". Così un 'pezzo da novanta' di un clan legato a Cosa nostra parla con i suoi mentre sparano in campagna e oliano pistole e fucili. Il sottinteso è chiaro in Sicilia: 'se loro si muovono, noi spariamo...". Non lascia spazio a dubbi l'intercettazione dei carabinieri del Ros agli atti dell'inchiesta Kronos della Direzione distrettuale antimafia della Procura di Catania culminata con 28 fermi di appartenenti a tre 'famiglie' alleate, ma che avevano dei contrasti per questioni economiche: la lucrosa e redditizia 'messa a posto' degli appalti e dei cantieri, come quelli dell'eolico.
Le intercettazioni dei carabinieri del Ros rivelano le dinamiche interne ai tre gruppi che risultano in magmatica evoluzione. A fomentare i contrasti le operazioni delle forze dell'ordine e della magistratura che portano in carcere vertici e gregari dei clan, con i reggenti pro tempore che non amano fare passi indietro e con altri gruppi alleati che approfittano dell'assenza del boss riconosciuto per invadere il suo territorio.
Così tre gruppi amici e alleati come le famiglie Santapaola-Ercolano, quella di Caltagirone e dei Nardo di Lentini si trovano seduti a trattare per trovare accordi e una pace che i vecchi boss vogliono a tutti i costi, per fare restare gli affari della mafia sotto traccia. Uno di loro contesta anche gli 'inchini': "a che servono questi pennacchi? A fare muovere società civile e l'interesse dei media...".
Ma la mediazione fallisce il 4 aprile scorso con un tentativo di agguato nei confronti di Giovanni Pappalardo e Salvatore Di Benedetto, che non accettavano di fare un passo indietro dopo la scarcerazione di Alfonso Fiammetta. Le due vittime ritengono che tra i mandanti ci sia Francesco Santapaola, reggente dell'omonimo clan, e non dormono più a casa. Le intercettazioni dei Carabinieri del Ros dimostrerebbero che stava per scattare una rappresaglia che avrebbe dato luogo ad una sanguinosa faida interna a Cosa Nostra. Per questo, hanno spiegato il procuratore Michelangelo Patanè e i sostituti Antonino Fanara e Agata Santonocito, si è deciso di intervenire d'urgenza con dei fermi.

    L'inchiesta ha fatto luce anche su un duplice omicidio avvenuto il 5 aprile del 2015 a Raddusa: Salvatore Cutrona e Giovanni Turrisi sarebbero stati assassinati nell'ambito di una 'pulizia interna' allo stesso clan

   Sono state fermate tutte le 28 persone, ritenute appartenenti a tre clan di Cosa nostra, destinatarie del provvedimento restrittivo emesso dalla Dda della Procura etnea nell'ambito delle indagini dell'operazione Kronos portata a termine dai carabinieri del Ros e dei comandi provinciali di Catania, Siracusa, Ragusa e Enna.
   Farebbero parte del clan Santapaola-Ercolano: il reggente Francesco Santapaola, 37 anni, Francesco Amantea, 46, Giuseppe Mirenna, 64, Alfonso Fiammetta, 44, Silvio Giorgio Corra, 32, Pierpaolo Di Gaetano, 37, Francesco Pinto, 41, Giovanni Pinto, 40, Vito Romeo, 40.
   Della famiglia di Caltagirone: il reggente Salvatore Seminara, 70 anni, Febronio Oliva, 55, Cosimo Davide Ferlito, 45, Carmelo Oliva, 43, Benito Brundo, 35, Salvatore Di Benedetto, 50, Angelo Giglio Spampinato, 48, Liborio Palacino, 53, Giovanni Pappalardo, 42, Gaetano Antonio Parlacino, 49, Salvatore Russo, 42, Giuseppe Simonte, 36, Rino Simonte, 29, Giuseppe Tangora, 47.

   Del clan Nardo di Lentini: Rosario Bontempo Scavo, 28 anni, Rosario Di Pietro, 39, Pippo Floridia, 60, Antonino Galioto, 52, e Paolo Giovanni Galioto, 64. 

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA


Vai al Canale: ANSA2030
Vai alla rubrica: Pianeta Camere



Modifica consenso Cookie