Percorso:ANSA > Scienza&Tecnica > Tecnologie > Il robot Nadine balla e 'studia' per diventare badante

Il robot Nadine balla e 'studia' per diventare badante

Dopo aver lavorato nella reception dell'università di Singapore

12 ottobre, 17:45
L'andride Nadine mentre ascolta la musica (fonte: IMI/NTU) L'andride Nadine mentre ascolta la musica (fonte: IMI/NTU)

Balla seguendo il ritmo e canticchiando, mentre intorno a lei luci e colori balenano nel buio in un'atmosfera da discoteca: il robot Nadine si trova perfettamente a suo agio fra gli esseri umani e nel condividere le loro attività, tanto da preparasi a diventare una badante. Del suo futuro ha parlato a BergamoScienza la ricercatrice che l'ha costruita, 'a sua immagine', Nadia Thalmann, esperta di Robotica sociale e direttore dell'Institute for Media Innovation (Imi) dell'università tecnologica Nanyang, a Singapore.

Una compagna del prossimo futuro
"Nadine mi somiglia molto più di mia figlia", ha detto la ricercatrice a margine della sua conferenza, sugli umani virtuali e i robot simili agli uomini. Nadine è un androide, ossia un robot dall'aspetto simile a quello umano non solo perché ha due braccia e due gambe, ma perché ha una pelle artificiale che ricorda quella umana, un viso capace di assumere espressioni e lineamenti molto simili a quelli di Nadia Thalmann. "Nadine è una copia di me stessa, non è esattamente come me, è molto più complicata. E' un robot molto realistico, una compagna del prossimo futuro".

Da receptionist a badante
Costruita nel 2013 dal centro Imi dell'università Nanyang e dall'azienda Kokoro specializzata in robot, Nadine è alta poco più di un metro e 30, pesa 35 chilogrammi. Sa riconoscere i colori, sorride, saluta e risponde cortesemente alle domane che le fanno gli esseri umani.
Dopo aver lavorato nella reception dell'università di Singapore, Nadine si sta quindi preparando a diventare una badante, un ruolo che la porterà a interagire con l'uomo ancora più direttamente. "Adesso - ha detto la ricercatrice - è in grado di parlare con le persone, di ricordare fatti, sa comprendere le emozioni, riconosce le azioni e reagisce in modo adeguato in situazioni diverse".
Ma per quanto sappia affrontare con disinvoltura le relazioni con gli esseri umani, "non è innamorata né prova sentimenti: è un robot", ricorda Nadia Thalmann.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA