Percorso:ANSA > Scienza&Tecnica > Tecnologie > L'intelligenza artificiale dipinge come Rembrandt

L'intelligenza artificiale dipinge come Rembrandt

Un ritratto in 3D a 347 anni dalla morte dell'artista

11 aprile, 15:50
Il ritratto dipinto dall'intelligenza artificiale, riproducendo lo stile di Rembrandt (fonte: The Next Rembrandt) Il ritratto dipinto dall'intelligenza artificiale, riproducendo lo stile di Rembrandt (fonte: The Next Rembrandt)

Un uomo con cappello nero, baffi e barba, con un abito scuro sul quale spicca una gorgiera bianchissima: lo stile è quello inconfondibile di Rembrandt, tanto che a prima vista vista potrebbe essere considerato un inedito. Ma non è così perchè il quadro è stato dipinto adesso, a 347 anni dalla morte del celebre artista olandese, da un sistema di intelligenza artificiale e da una stampante 3D.

Il quadro, intitolato "Il nuovo Rembrandt" è il risultato del progetto di ricerca chiamato "The Next Rembrandt" e promosso negli Stati Uniti dalla Smithsonian Institution, combinando tecniche all'avanguardia come sistemi di apprendimento automatico e analisi statistica, alla tradizionale storia dell'arte. Il primo test, che ha prodotto il ritratto nel puro stile di Rembrandt, è stato condotto in collaborazione con le aziende Ing e Microsoft, con la consulenza del Politecnico olandese di Delft (TuDelft) e del museo Rembrandthuis.



Nell'arco di un anno e mezzo ingegneri, storici dell'arte e analisti dei dati hanno studiato 346 opere di Rembrandt, dopodichè hanno "addestrato" un sistema informatico a dipingere riproducendo esattamente lo stile dell'artista. La stessa scelta dell'uomo protagonista del ritratto si è basata su un calcolo statistico: prima o poi Rembrandt avrebbe effettivamente potuto dipingere un uomo con quell'aspetto.

Quindi il sistema di intelligenza artificiale ha studiato oltre 168.000 particolari dei dipinti del pittore olandese, memorizzando le proporzioni del viso, la distanza fra gli occhi, la pennellata. Sulla base di queste conoscenze ha prodotto un disegno, che poi una stampante 3D ha trasformato in un dipinto sovrapponendo gli strati di colore in modo da riprodurre il tratto di Rembrandt. Il risultato è che ognuno dei 148 milioni di pixel che lo costituiscono il "nuovo Rembrandt" si basa sull'analisi e la conoscenza della tecnica dell'artista.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA