Percorso:ANSA > Scienza&Tecnica > Tecnologie > Niente più code, lo smartphone fa la fila per noi

Niente più code, lo smartphone fa la fila per noi

Avverte quando è il nostro turno, con una app nata in Italia

07 aprile, 19:06
Una piattaforma gratuita permette di prendere il biglietto dallo smatphone (fonte: Qathome) Una piattaforma gratuita permette di prendere il biglietto dallo smatphone (fonte: Qathome)

Niente più code nè attese agli sportelli:il biglietto diventa virtuale e lo smartphone potrà fare la fila per noi, avvisandoci quando arriva il nostro turno dal medico di base come in banca, o anche solo per ritirare una pizza. E’ possibile grazie alla app gratuita e liberamente accessibile su Internet messa a punto in Italia, da un’azienda spinoff della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa.

Finora i bigliettini che assegnano il turno obbligano comunque ad attendere sul posto ed è di fatto impossibile fare altre cose nel frattempo. Le cose cambiano, invece, se nel frattempo il telefonino ‘tiene d’occhio’ la fila. La piattaforma open source che permette questo si chiama “Qathome”, dall'inglese “coda a casa”, è facile da usare anche per chi non ha dimestichezza con le nuove tecnologie, come gli anziani, ed è stata utilizzata con successo sia dall’Università di Pisa per gestire le immatricolazioni, sia nella “clinica mobile” del MotoGP. L’ha messa a punto l’azienda spinoff Cheros, nata presso l’Istituto Tecip (Tecnologie della Comunicazione, dell’Informazione, della Percezione) della Scuola Superiore Sant’Anna.




L’idea è di Antonello Cherubini e Gastone Pietro Rosati Papini, entrambi ingeneri informatici dottorandi dell’Istituto Tecip, ed è nata mentre aiutavano un collega messicano, immobilizzato a letto per una frattura. Sbrigare le pratiche burocratiche e prendere gli appuntamenti per analisi e visite mediche significava affrontare ore di attese e code, così Cherubini e Papini si sono chiesti se fosse possibile gestire le attese online. La soluzione è stata il sito internet con la relativa app, che da oggi può essere scaricata in open source, personalizzata e adattata a qualsiasi situazione.

Basta collegarsi al sito, cercare l’attività di interesse, visualizzare lo stato della coda e infine munirsi del biglietto virtuale. Il sistema è compatibile con le esigenze di chi preferisce la fila tradizionale e non ha confidenza con lo smartphone, come gli anziani. Per Rosati Papini qualsiasi azienda che venda sistemi di prenotazioni e totem eliminacode “può scaricare il client di Qathom’ e aggiungerlo alla sua pagina web o alla app, sua o dei suoi clienti”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA