Percorso:ANSA > Scienza&Tecnica > Tecnologie > Le finestre intelligenti che controllano luce e calore

Le finestre intelligenti che controllano luce e calore

Funzionano grazie alle nanotecnologie

19 agosto, 10:22
Realizzati i vetri che diventano opachi a comando (fonte:  Anna Llordés, Lawrence Berkeley National Lab.) Realizzati i vetri che diventano opachi a comando (fonte: Anna Llordés, Lawrence Berkeley National Lab.)

Dopo anni di ricerche, funzionano le prime finestre intelligenti: grazie alle nanotecnologie i loro vetri sono in grado di bloccare selettivamente luce e calore migliorando sensibilmente l'efficienza energetica domestica. Il procedimento, messo a punto da un gruppo internazionale coordinato dal laboratorio californiano Lawrence Berkeley, è pubblicato sulla rivista Nature e permette di realizzare vetri low-cost multifunzionali, in grado di modificare a comando la loro opacità.

Nonostante i grandi progressi fatti nel migliorare i consumi energetici domestici, i vetri delle finestre rappresentano ancora un 'punto dolente', uno dei punti di maggiore dispersione termica e la 'porta' di ingresso del calore.
Per contrastare questo problema i ricercatori statunitensi hanno messo a punto un metodo che potrebbe essere facilmente integrato nei processi di produzione industriale per opacizzare le finestre e limitare l'ingresso del calore dei raggi solari.

Si tratta di vetri al cui interno sono presenti due tipi di nanocristalli che possono essere attivati a comando, attraverso un impulso elettrico. I cristalli, che a 'riposo' sono trasparenti, sono posti su due differenti strati.
L'attivazione del primo strato permette di bloccare i raggi infrarossi (i responsabili del calore), il secondo invece permette di bloccare anche una buona parte di luce visibile rendendo così il vetro opaco. Dopo anni di ricerca in questo campo, le soluzioni ingegneristiche proposte da questo gruppo di ricercatori sembrerebbero finalmente poter aprire la strada commerciale ai vetri intelligenti per la limitazione dei consumi energetici.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA