Percorso:ANSA > Scienza&Tecnica > Spazio & Astronomia > Spiegato il mistero della stella dalla luce anomala

Spiegato il mistero della stella dalla luce anomala

Non è colpa degli alieni, ma di uno sciame di comete

26 novembre, 17:36
Rappresentazione artistica della stella KIC 8462852, bombardata da unos ciame di comete (fonte: NASA/JPL-Caltech) Rappresentazione artistica della stella KIC 8462852, bombardata da unos ciame di comete (fonte: NASA/JPL-Caltech)

Continua a far parlare di se' la stella KIC 8462852, nota come stella di Tabby. Il calo nella sua luminosità, che ad alcuni aveva fatto immaginare megastrutture di civiltà extraterrestri, in realtà sarebbe dovuto da un intenso bombardamento di uno sciame di comete. La conferma arriva dai telescopi spaziali Kepler e Spitzer, entrambi della Nasa, che hanno osservato la stella dal 2011 al 2013.

Il risultato è in via di pubblicazione sull'Astrophysical Journal Letters. I ricercatori coordinati da Massimo Marengo, dell'Iowa State University, hanno osservato due insoliti 'incidenti' nel 2011 e 2013, proprio quando la stella ha avuto un forte calo di luminosità mai osservato in precedenza. I nuovi dati corroborano quella che era stata una delle prime ipotesi avanzate per spiegare l'anomalia nella luce della stella, cioè il passaggio di uno sciame di comete. Viene così accantonata definitivamente l'ipotesi della civiltà aliena, già smontata recentemente dalle osservazioni condotte dal Seti Institute (Search for Extra-Terrestrial Intelligence).

Scartata anche l'ipotesi di collisioni tra asteroidi o pianeti, di cui non sono state trovate tracce neanche con osservazioni nella luce a infrarossi, la teoria più probabile, per i ricercatori, è quella appunto del passaggio delle comete. E' possibile infatti che una famiglia di comete stia viaggiando intorno alla stella su un'orbita molto lunga ed eccentrica. A guidarle ci sarebbe una cometa molto grande, che avrebbe bloccato la luce di Tabby nel 2011 così come osservato dai telescopi spaziali.
Nel 2013 poi, il resto della famiglia di comete potrebbe essere passato di fronte alla stella, bloccandone la luce un'altra volta. ''E' una stella molto strana - commenta Marengo - Mi ricorda quando abbiamo scoperto le prime pulsar. Emettevano segnali strani mai visti prima, e la prima da noi scoperta, LGM-1, si è rivelata essere un fenomeno naturale''.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA