Percorso:ANSA > Scienza&Tecnica > Fisica & Matematica > Dal sale da cucina composti mai visti

Dal sale da cucina composti mai visti

Rivoluzionari per la chimica

29 dicembre, 21:33
La struttura chimica 'impossibile' del composto NaCl3, ottenuto dal sale (fonte: Artem Oganov) La struttura chimica 'impossibile' del composto NaCl3, ottenuto dal sale (fonte: Artem Oganov)

Sottoponendo il sale da cucina a pressioni altissime si ottengono composti mai visti che, secondo le regole, non dovrebbero esistere. Il risultato, pubblicato su Science, secondo gli esperti potrebbe far riscrivere i libri di chimica e aprire la strada a nuove applicazioni.
E' quanto emerge da due ricerche, coordinate da Weiwei Zhang, dell'Università di Agricoltura di Pechino, e da Jordi Ibez Insa, dell'Istituto delle Scienze della Terra di Barcellona.

I ricercatori hanno portato il sale ad una pressione di 200.000 atmosfere ed aggiunto un 'pizzico' di cloro o di sodio. Sono così emersi i composti Na3Cl o NaCl3: composti impossibili o esotici come li hanno definiti. I composti sono termodinamicamente stabili e una volta realizzati, rimangono tali all'infinito.

Secondo Artem Oganov, dell'università dello Stato di New York e coautore di un articolo, questo è l'inizio di una rivoluzione nella chimica.
"Abbiamo trovato composti perfettamente stabili che contraddicono le regole della chimica'', osserva. ''Applicando una pressione modesta, se confrontata a quella del centro della Terra che è di 3.6 milioni di atmosfere, gran parte di ciò che sappiamo dai libri di chimica cade a pezzi". Per uno degli autori del secondo articolo, Zuzana Konpkov, dell'acceleratore Desy di Amburgo, ''sulla superficie della Terra queste condizioni potrebbero essere estreme, ma sono piuttosto normali se si guarda l'universo nel suo complesso" e sulla Terra possono diventare ''possibili in condizioni estreme''.

La scoperta potrà avere applicazioni pratiche, ad esempio per rendere più efficiente l'uso dei metalli come come conduttori di energia elettrica, e potrà aiutare a rispondere ad alcune domande dell'astronomia, come quelle relative alla formazione degli aggregati di materia dai quali sono nati i pianeti.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA