Percorso:ANSA > Scienza&Tecnica > Biotech > Un ormone come la palestra, rinforza le ossa e aiuta a dimagrire

Un ormone come la palestra, rinforza le ossa e aiuta a dimagrire

Si chiama irisina, Italia deposita richiesta brevetto

17 settembre, 16:30
Sezione di osso osso corticale di tibia di un animale trattato in cui è visibile l'aumento del perimetro (fonte: Maria Grano, Università di Bari) Sezione di osso osso corticale di tibia di un animale trattato in cui è visibile l'aumento del perimetro (fonte: Maria Grano, Università di Bari)

C'è un ormone che ha gli stessi benefici della palestra: rafforza le ossa e, in dosi maggiori, aiuta anche a bruciare più grassi e quindi a dimagrire. Si chiama irisina ed era stato scoperto nel 2012, ma solo adesso la sua funzione sulle ossa è stata individuata da una ricerca italiana pubblicata sulla rivista dell'Accademia delle Scienze degli Stati Uniti (Pnas). I risultati, ottenuti dall'università di Bari in collaborazione con l'università di Ancona, sono così incoraggianti che è stata depositata una richiesta di brevetto.

L'irisina viene prodotta fisiologicamente dai muscoli e la prospettiva ''è di utilizzare questo ormone in futuro come farmaco'', ha detto Saverio Cinti, direttore del centro sull'Obesità dell'università di Ancona, coautore della ricerca con Maria Grano, anatomista e istologa dell'università di Bari, che ha coordinato il lavoro. ''Ulteriori studi condotti su animali utilizzati come modello dell'osteoporosi si stanno rilevando promettenti'', ha detto Grano. ''Probabilmente - ha aggiunto - il principale ruolo della molecola sullo scheletro agisce a piccole concentrazioni, mentre a dosi più elevate agisce anche sul grasso''.

Se per i più pigri è suggestiva l'idea di un farmaco che possa far bene come la palestra, il primo obiettivo dei ricercatori è comunque un altro. ''Puntiamo ad avere un farmaco per - ha spiegato Grano - chi non ha la possibilità di fare attività fisica, come gli anziani che non possono muoversi o persone paralizzate, ma anche per gli astronauti che quando sono in orbita perdono massa ossea a causa della mancanza di gravità''.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA